Messaggi Popolari

Scelta Del Redattore - 2019

4 principi di corretta alimentazione dopo taglio cesareo, ricette per una dieta ristorativa

Descrizione pertinente a 07.07.2017

  • efficienza: effetto terapeutico dopo 10 giorni
  • date: 3-6 mesi
  • Costo dei prodotti: 1400-1500 rubli a settimana

Regole generali

Taglio cesareo - Questa è un'operazione chirurgica, che è ora abbastanza comune e viene eseguita in un ordine pianificato e di emergenza. Il rischio a cui una donna è esposta durante questa operazione è 12 volte più alto rispetto al parto normale, quindi, per eseguirlo, ci devono essere indicazioni severe (miopia alta, pelvi stretti, grave tossicosimalformazioni dell'utero, diabete mellito, posizione sbagliata del feto, ecc.). Anche il periodo di recupero richiede più tempo e un'attenzione particolare è dedicata all'alimentazione.

La nutrizione dopo un taglio cesareo nei primi giorni è un po 'diversa dalla nutrizione di una donna che ha dato alla luce in modo naturale. Ciò è dovuto a un intervento chirurgico. Prima di tutto, una donna ha bisogno di regolare il lavoro degli intestini, che viene raggiunto non solo con una corretta alimentazione, ma anche con movimenti attivi. Qualche ora dopo l'operazione, si raccomanda di fare dei giri nel letto e di sedersi e iniziare a camminare nel reparto dopo 5-6 ore. Inoltre, non bisogna dimenticare l'uso di prodotti che hanno un effetto positivo sul processo di allattamento (cibi pesanti, cibi proteici). Il cibo dovrebbe essere ad alto contenuto calorico e includere cibi proteici (carne, fiocchi di latte, kefir), come fonte per la produzione di latte e il recupero dopo l'intervento chirurgico.

La produzione di latte può differire leggermente in termini di inizio e costituzione della lattazione. Dopo le operazioni di emergenza, il latte appare 3-4 giorni, e dopo il previsto - per 5-10 giorni. Per prevenire l'ingorgo pronunciato delle ghiandole mammarie, per la prima volta bere fino a 800 ml. Poiché il periodo successivo al parto utilizza farmaci che possono essere combinati con l'allattamento al seno, la donna deve nutrire il bambino. In alcuni casi, il medico mette in guardia sull'impossibilità dell'allattamento al seno. In tali casi, è necessario esprimere il latte.

Una dieta per una madre che allatta dopo un taglio cesareo nei primi giorni dovrebbe essere delicata e gradualmente espandersi di giorno in giorno. L'azione meccanica dei prodotti è determinata dal loro grado di macinazione, dalla natura della lavorazione e dalla consistenza. I più delicati saranno i piatti, al vapore o bolliti e frullati (all'inizio). Esclude i piatti cucinati dalla frittura.

Forti sostanze irritanti saranno sostanze estrattive (forti brodi) e oli essenziali contenuti in cipolle, aglio, verdure piccanti e verdure che influenzano il gusto del latte. Naturalmente, tutti questi prodotti e questi piatti sono esclusi dalla dieta di una donna che allatta.

Il primo giorno dopo l'operazione è consentita solo acqua senza gas con aggiunta di succo di limone o succo di mela. Il volume del liquido non è superiore a 1,5 litri.

Il giorno seguente, vengono introdotti il ​​pollo secondario a bassa percentuale di grassi o il brodo di carne, purè di patate senza aggiunta di olio e tè (non molto dolce), composte e bevande alla frutta diluite. Comodo da usare alimenti per l'infanzia (cereali, purè di patate, succhi). In questo giorno, di solito mettere un clistere di pulizia, che stimola lo scarico del gas e la contrazione dell'utero.

Il 3 ° giorno, è possibile utilizzare il porridge nell'acqua, ma senza zucchero (farina d'avena o grano saraceno, il riso è escluso, il che può causare costipazione), verdure bollite o al vapore (cavolfiore, broccoli, barbabietole, zucchine, carote), tè dolce, kefir, cotolette di pollo al vapore, mele cotte. Sono cereali, verdure e frutta contenenti fibre alimentari che sono in grado di attivare la motilità intestinale, poiché dopo l'intervento può essere ridotto e costipazione.

Stimola la funzione intestinale dell'attività fisica ragionevole (in ospedale - si muove in reparto). Dal quarto giorno in poi, la nutrizione della donna partoriente non differisce dalla nutrizione delle donne che hanno partorito naturalmente. Dato che il bambino è fino a tre mesi incline alla colica, la dieta della madre dovrebbe essere rigorosa ed escludere i cibi che causano flatulenza.

Le principali regole nutrizionali sono:

  • Cinque pasti della madre e assunzione di cibo dovrebbero essere 30 minuti prima di dare da mangiare al bambino (durante questo periodo il latte arriverà al massimo).
  • Cottura al vapore e bollita, rifiuto di cibi fritti e grassi.
  • L'introduzione di prodotti caseari contenenti calcio.
  • Sono vietati l'uso di alimenti preparati al momento, ad eccezione dei semilavorati, dei prodotti con conservanti, di tutti i tipi di alimenti in scatola.
  • Introduzione alla dieta di carne magra e pesce.
  • Rigorosa aderenza al modo di bere liquido - 1,5-1,6 litri al giorno (acqua senza gas, composte, tisane). Il consumo di liquidi è un fattore importante nella qualità e nell'allattamento a lungo termine. Devi bere il liquido per 10 minuti prima di nutrirlo. Tuttavia, non può essere consumato al di sopra della norma, in quanto ciò potrebbe causare un'eccessiva produzione di latte, che potrebbe causare la lattostasi.
  • Prodotti esclusi che migliorano la fermentazione (pasticcini, kvas, legumi, dolci, pane nero, banane, mele fresche dolci, uva, verdure sott'aceto, cavoli, cetrioli, bevande con gas, pasticcini, cagliate e paste, cereali dolci).
  • Limitare la prima volta l'uso di verdure crude, frutta, che aumentano il gonfiore nelle donne e nei bambini. Pertanto, in un primo momento, verdure e frutta dovrebbero essere cotte o bollite e introdotte nella dieta in piccole porzioni, in modo da non provocare l'allentamento e il gonfiore del bambino.
  • Sono escluse le verdure con fibre grossolane (ravanelli, ravanelli, rape) e oli essenziali che possono causare coliche e gonfiore in un bambino.

Il primo mese è consentito solo grano saraceno e farina d'avena in acqua, verdure bollite, filetto di pollo, tacchino, fiocchi di latte e solo prodotti a base di latte fermentato, kefir, zuppe fritte, mele e banane alla frutta.

Dalla metà del secondo al terzo mese, i nuovi prodotti vengono attentamente inseriti nella dieta sotto il controllo delle condizioni del bambino. Entro 3-4 giorni, viene introdotto un solo nuovo prodotto, utilizzandolo inizialmente in una piccola porzione e aumentandolo gradualmente con una buona tolleranza del bambino. Se non ci sono reazioni, puoi tranquillamente lasciare questo prodotto nella dieta. Quindi viene controllato il prossimo nuovo prodotto.

Così, durante questo periodo, vengono introdotti altri cereali (orzo perlato e grano), panna acida a basso contenuto di grassi, carne bovina a basso contenuto di grassi e pane di segale. I pesci di mare magra (nasello, merluzzo bianco, merluzzo), yogurt naturale, yogurt, ryazhenka, formaggio magro e noci, escluse le noci, che causano allergie nei bambini, vengono accuratamente introdotti. Ancora non desiderabile mangiare verdure crude e frutta e bacche.

I primi sei mesi non è consigliabile utilizzare:

  • legumi,
  • cavolo (fresco e fermentato), cetrioli e pomodori,
  • frutti di mare
  • latte condensato,
  • gelato
  • pasticcini di lievito, pasticcini alla crema,
  • maionese,
  • marmellate e confetture (limitato), caffè, kvas, bevande a gas, latte intero,
  • formaggio fuso, margarina,
  • cioccolato, yogurt aromatizzato,
  • agrumi, fragole, pere,
  • salsicce, prodotti affumicati,
  • alcool.

Quando la stitichezza è esclusa tè forte, semola e riso, pane bianco, muffin, mirtilli, pere, mele cotogne.

Prodotti consentiti

I primi sei mesi, è auspicabile aderire a una dieta che include:

  • Vari cereali (mais e orzo perlato sono usati con cautela, che aumentano il gonfiore e il riso, che può causare stitichezza). Il porridge viene cotto in acqua e una piccola quantità di burro o olio vegetale viene aggiunto a quelli finiti. Il giorno sono ammessi 25 g di burro e 15 g di olio vegetale (può trattarsi di girasole non raffinato, mais, olive, soia).
  • Puoi cucinare il porridge di latte, ma non zuccherato e aggiungi solo 1/3 di latte, così come fare le casseruole di cereali con la ricotta.
  • Pane di grano di 2 ° grado (è possibile con crusca), cracker di pane grigio, essiccazione e biscotti secchi.
  • Tipi di carne e pesce a basso contenuto di grassi (manzo, coniglio, pollo, vitello, merluzzo, lucioperca, nasello, persico, merlano, merluzzo), dai quali si cucinano cotolette di vapore o si mangia un pezzo intero. La preferenza è data alla carne bianca di pollame e alla carne e al pesce da utilizzare 1-2 volte a settimana.
  • Minestre e zuppe vegetariane nel brodo di carne secondario. Nel primo corso, è possibile aggiungere patate, cavolfiori, carote e zucchine, polpette di carne, pezzi di carne, gnocchi.
  • Fonti di fibra - 400 g di verdure bollite o fresche (se non causano il gonfiore in un bambino): carote, zucchine, barbabietole, zucca, zucca. Da loro puoi preparare stufati e polpette. Le verdure verdi possono essere consumate fresche e i colori vivaci sono meglio sottoposti a trattamenti termici (zuppe, stufati, caviale vegetale, polpette, casseruole). Come già accennato, per iniziare a mangiare tutte le verdure - solo bollite o in umido.
  • Mangiare frutta inizia con le mele, e quindi introdurre gli altri, ma non aspro. Se il bambino ha una tendenza alle reazioni allergiche, il frutto è meglio scegliere verde o bianco. Durante il giorno, hai bisogno di mangiare 300 grammi di frutta / bacche (mele, pere, ribes, ciliegie uva spina) e bere 200 ml di succhi con polpa (fresca o in scatola). È meglio scegliere i succhi di una serie di pappe. Puoi mangiare purea di frutta, mele cotte, banane e pere, bere gelatina e frutta in umido. Le prugne e le albicocche secche sono ricche di fibre alimentari, quindi è necessario inserirle nella dieta con attenzione, osservando la sedia del bambino. Se ha una tendenza a costipazioneUna madre che allatta deve mangiare frutta secca e più dovrebbe includere nella dieta le fibre alimentari (cereali, verdure, pane integrale, frutta). Vale anche la pena rivedere la vostra dieta e grassi animali parzialmente sostituiti con grassi vegetali.
  • Latticini a 600-800 ml al giorno (prima kefir, poi yogurt naturale, acidofilo, yogurt). Ricotta a basso contenuto di grassi o piatti da esso. La panna acida e il latte (nella quantità di 200 ml) dovrebbero essere presenti nella dieta solo come additivo nei piatti. Se parliamo del contenuto di grassi dei latticini, il migliore per il kefir e il latte è del 2,5% e per la ricotta del 5-9%. Per le donne che allattano, i prodotti grassi zero non sono adatti.
  • Confetteria (raramente) - marmellata di frutta, caramelle alla frutta naturale e marshmallows.
  • Bevande: acqua da tavola senza gas, composta, tè senza additivi aromatici (nero o verde, ma non forte), tè alla menta, timo, origano, a volte si può bere un caffè debole.

Perché hai bisogno di una dieta dopo il taglio cesareo

Il corpo di una donna, fino al momento del parto entro nove mesi, spende le sue risorse per allevare e preservare il bambino, e poi subisce un serio intervento chirurgico, che dà un tremendo peso fisico e morale. pertanto, per aiutare la mamma a recuperare rapidamente dopo l'intervento chirurgico, i parenti stretti dovrebbero occuparsi delle faccende domestiche. Compreso organizzare l'alimentazione della madre che allatta durante l'allattamento.

Cosa aiuterà la dieta

  1. Dopo l'intervento, i muscoli intestinali si riposano e si rilassano. Per iniziare il lavoro dell'intestino e allo stesso tempo non sovraccaricarlo, hai bisogno di una dieta.

Nei primi giorni dopo il taglio cesareo, i medici prescrivono una dieta e controllano il lavoro dell'intestino e delle vie urinarie.

  • Le cuciture possono disperdere a causa del verificarsi di flatulenza e a causa dei processi di fermentazione.
  • Dieta - questa è la prevenzione della costipazione, riduce anche il carico sulle cuciture.
  • Per il trasferimento intestinale dopo pressione trasferita durante il secondo e il terzo trimestre di gravidanza. La delocalizzazione è quando l'intestino prende il suo solito posto nella cavità addominale.da dove è stato spostato da un utero allargato.
  • Prevenzione delle complicanze atoniche. L'atonia è una violazione del tono della parete intestinale (dolore intermittente di natura spastica, flatulenza, fermerà i gamberetti).
  • Inoltre, la parete addominale anteriore, allungata durante la gravidanza, non può supportare completamente il lavoro dell'intestino. Pertanto, per ripristinarlo, è necessario seguire una dieta.
  • È necessario garantire un'elevata capacità di assorbimento dei nutrienti contenuti nel cibo, attraverso la sua macinatura meccanica o il trattamento termico.
  • Nutrizione della madre che allatta nel primo mese dopo il taglio cesareo Questo è un fattore chiave nel recupero del corpo.

    Sergeyko I.V., ostetrico-ginecologo, deputato Chief Medical Officer per il dipartimento medico della clinica "Trustmed", Mosca

    Il taglio cesareo è un'operazione frequente, la cui esecuzione è stata portata alla perfezione da noi. Tuttavia, la paziente stessa è più responsabile per il periodo postoperatorio.

    Pertanto, teniamo riunioni in anticipo, dove parliamo della necessità di un'alimentazione corretta dopo il taglio cesareo e avvertiamo di tutti i possibili rischi.

    Quanti giorni è la dieta dopo il cesareo

    Nutrizione dopo cesareo nei primi giorni di dieta, come dopo ogni intervento addominale. Questa modalità continua per 3-4 giorni, fino al primo auto-escremento.. Questo è sufficiente per ripristinare il corpo.

    Il cibo incluso nella razione della donna dovrebbe essere facile da digerire. Per fare ciò, seguire rigorosamente le raccomandazioni del medico su cosa si può mangiare, in quale forma, in quale quantità e a che ora del giorno.

    Principi della dieta

    1
    Il cibo dovrebbe essere cotto a vapore, bollito o in umido.

    2
    La carne e tutti gli alimenti duri devono essere macinati in un frullatore. Kashi ha bisogno di portare alla consistenza di purea liquida e zuppe allo stato di crema di zuppa. Nei piatti non si devono incontrare pezzi grandi o duri di verdure o carne. Questo può causare nausea e vomito.
    3
    Il cibo deve essere a temperatura ambiente o caldo.

    4
    I pasti dovrebbero essere frazionari, 6-7 volte al giorno in piccole porzioni.

    Principi di nutrizione

    Quindi, consideriamo quali principi riguardanti la preparazione della tua dieta dovrebbero seguire una donna:

    1. I pasti dovrebbero essere 5 volte al giorno, è necessario mangiare ogni 3 ore.
    2. 30 minuti prima dell'allattamento al seno, è imperativo mangiare - in modo che il latte arrivi.
    3. Gli alimenti grassi, fritti, affumicati e piccanti non dovrebbero essere consumati.
    4. Il modo migliore per cucinare è la cottura a vapore o cibi bollenti.
    5. I latticini devono essere presenti nella dieta - perché contengono calcio, è necessario sia per il corpo della madre che per il bambino.
    6. Il cibo in scatola e gli alimenti pronti non possono essere mangiati.
    7. Si consiglia di cucinare il cibo immediatamente prima dell'uso.
    8. Liquido necessariamente bere - circa 1,5 litri al giorno, e dovrebbe essere bevande non gassate.
    9. Nessun prodotto che migliora la fermentazione nell'intestino - cottura, cereali con aggiunta di zucchero, banane, legumi, ecc.
    10. È meglio limitare le verdure crude, idealmente per escluderle, poiché tendono ad aumentare la fermentazione nell'intestino.
    11. Prodotti che contengono fibre grossolane (ravanelli, rape) - influenzano negativamente il tratto digestivo e favoriscono il gonfiore.

    Primo mese
    La mamma dovrebbe fare attenzione alla sua dieta. Farina d'avena e grano saraceno in acqua, verdure bollite o al forno, filetto di pollo senza pelle, fiocchi di latte magri sono ammessi. Il latte acido deve essere presente, ma si può bere solo l'1% di kefir. Puoi cucinare una zuppa leggera nel brodo secondario, ovviamente, zazharku non può fare.

    Secondo mese
    Puoi già iniziare a mangiare cibi più sostanziosi e ipercalorici, ma questo dovrebbe essere fatto sotto la supervisione di un pediatra - in modo che le condizioni del bambino non si deteriorino. Entro 4 giorni, un nuovo prodotto viene introdotto a poco a poco, e questo dovrebbe essere fatto da porzioni molto piccole, aumentandole gradualmente - se il bambino porta normalmente il cibo. Nel caso in cui una reazione negativa sia assente, il cibo può essere tranquillamente lasciato nella vostra dieta quotidiana. Durante questo periodo, puoi provare l'orzo perlato bollente, il porridge di frumento, la panna acida con contenuto di grasso fino al 20%, la carne di manzo. Puoi provare i pesci con cautela - merluzzo, merluzzo. Puoi formaggio non affilato, ryazhenku. Dalle verdure crude bisogna ancora arrendersi.

    Fino a quando il bambino ha 6 mesi, la mamma dovrà anche rinunciare a questo tipo di cibo:

    • il pesce è un forte allergene,
    • fagioli, piselli,
    • cetrioli, pomodori e cavoli in qualsiasi forma (ad eccezione delle verdure bollite),
    • latte condensato
    • cuocendo con l'aggiunta di lievito - provoca una forte fermentazione nell'intestino,
    • maionese,
    • Yogurt acquistati con vari gusti,
    • bevande gassate
    • latte grosso,
    • cioccolato, caffè,
    • carni affumicate e sottaceti,
    • salsicce e formaggio fuso.

    Se la madre soffre di stitichezza, non può mangiare muffin, riso, tè nero forte, semola.

    Quali alimenti posso mangiare?

    Come accennato in precedenza, la dieta deve essere seguita. Considera prodotti che non danneggiano la salute della madre e del bambino:

    1. Semole, con l'eccezione di pshenka, porridge di riso. Tutto ciò che serve per cucinare in acqua, senza zucchero. Nel prodotto finito, puoi aggiungere un po 'di burro o olio vegetale. In generale, gli esperti dicono che una madre è autorizzata a consumare 15 grammi di olio vegetale e 25 grammi di burro al giorno.
    2. Se lo desideri, puoi provare ad entrare nel latte - ma non ungere e diluito. Il porridge è cotto su di esso, o vengono preparate le terrine.
    3. Pane di crusca, biscotti secchi di galette, cracker di pane grigio di seconda scelta.
    4. Carne e pesce - ma solo a basso contenuto di grassi. Questo può essere coniglio, parti magre di manzo, pollo senza pelle. Per quanto riguarda il pesce, puoi bollire o cucinare per un paio di naselli, merluzzo. È meglio mangiare carne bianca - ha la più bassa percentuale di grassi, non sono allergeni.
    5. Zuppe di verdure senza aggiunta di carne. Puoi cucinarli sulla base di zucchine, carote, cavolfiori, patate. Se lo si desidera, è possibile fare zuppe, purè di patate - ma tutto questo senza verdure torrefazione.
    6. Супы на вторичном мясном нежирном бульоне. Помимо кусочков мяса в них также могут присутствовать те же овощи, что содержатся в вегетарианских супах на основе овощей.
    7. Carote, zucca, zucchine - tutto in forma elaborata. Questi alimenti sono fonti di fibre, ma è necessario mangiarli attentamente.
    8. Dalla frutta - le mele, in un primo momento hanno bisogno di essere cotte. Altri frutti possono essere aggiunti in seguito, ma non dovrebbero essere aspri. Se la madre nota che il suo bambino è incline alla manifestazione di allergie, in questo caso, il frutto dovrebbe essere selezionato bianco o verde. I medici dicono che per essere sani, la mamma ha bisogno di mangiare circa 300 grammi di bacche o frutta ogni giorno, così come un bicchiere di succo appena spremuto con polpa aggiunta. Se il bambino soffre di stitichezza - le prugne secche, le albicocche secche lo faranno, ma i grassi animali dovrebbero essere sostituiti con oli vegetali (oliva, girasole).
    9. Assicurati di partecipare alle bevande a base di latte fermentato. Sono ricchi di vitamine e minerali benefici. All'inizio, la mamma è autorizzata esclusivamente a kefir, un po 'più tardi, è possibile collegare yogurt fatto in casa, latte acido, acidophilus. La panna acida e il latte devono essere usati con cautela, ma la ricotta a basso contenuto di grassi, come i piatti che contiene, sarà una buona soluzione: contengono una grande quantità di calcio. Ciò che è importante è il fatto che è impossibile mangiare prodotti completamente privi di grassi - non porterà benefici. La ricotta deve essere selezionata tra il 5 e il 9%, il latte - 2,5%, il kefir - 1%.

    Quali alimenti devono essere limitati se una donna allatta al seno?

  • Uova, frutti di mare, frutta e verdura di colore rosso sono altamente allergenici, quindi dovrebbero essere completamente esclusi.
  • È anche vietato mangiare cibo che causa fermentazione nell'intestino - pasta su lievito, cavoli, verdure, che includono fibre grossolane.
  • Limitare il caffè dalle bevande, escludere bevande gassate, kvas, alcol.
  • Dolci - solo utili. Non sono ammesse torte, pasticcini con lievito, cioccolato, torte alla crema.
  • Anche lo zucchero e la mamma salata devono limitare.
  • Nel primo anno di vita di un bambino, è necessario monitorare le sue condizioni, visitare un pediatra, parlare della sua dieta - il bambino non solo non dovrebbe provare disagio, ma ricevere anche tutti gli elementi necessari per il normale sviluppo.

    Ruolo nutrizionale

    Esiste una chiara relazione tra ciò che una donna mangia nel periodo postpartum e la velocità della riabilitazione senza complicazioni. La chirurgia, che in sostanza è un taglio cesareo, viene eseguita nella cavità intestinale. Tale intervento influisce negativamente sul lavoro del corpo. L'anestesia utilizzata, sia locale che generale, influisce anche sulla funzione gastrointestinale.

    Finché la motilità intestinale non viene ripristinata, il gas che si accumula nella cavità addominale interferirà con le normali contrazioni dell'utero. Di conseguenza, aumenta il rischio che il processo di rigenerazione dei tessuti danneggiati venga ritardato e l'involuzione dell'utero si verifichi al rallentatore. Di conseguenza, la produzione di ormoni necessari per l'allattamento diminuisce.

    Inoltre, il corpo spende energia per la rimozione dei farmaci. Il corpo della donna sta vivendo dolore ed è in uno stato stressante dopo l'operazione. Tutto ciò influisce sul fatto che il latte materno viene prodotto in piccole quantità.

    Più sana è la donna, meno spesso ha problemi con l'allattamento al seno. Quindi, possiamo dire che il cibo giusto dopo un taglio cesareo per una madre che allatta è uno strumento che aiuta non solo a ripristinare rapidamente la salute, ma anche a stabilire l'allattamento nel suo insieme.

    Regole di base

    Bene, quando la manipolazione è stata pianificata e la donna ha avuto alcuni giorni per prepararsi - per sedersi a dieta, pulire l'intestino. Ma, in alcuni casi, la decisione sulla necessità di condurre un taglio cesareo è presa durante il parto. In questa situazione, la madre deve soprattutto tenere d'occhio la sua dieta.

    Raccomandazioni per l'alimentazione dopo il taglio cesareo:

    • il cibo consumato deve essere leggero, nutriente e ammissibile con HB,
    • proibiti piatti fritti, affumicati, piccanti e grassi, conservazione,
    • la prima volta è meglio cucinare il cibo, cucinando completamente il cibo,
    • i prodotti sono necessariamente trattati termicamente - al vapore, bolliti, in umido o al forno,
    • la consistenza dei piatti - zuppe, purè, purè e prodotti montati nel soufflé,
    • il cibo è caldo, freddo o cibi caldi possono irritare lo stomaco,
    • dovresti mangiare solo piatti appena preparati, i prodotti semilavorati sono proibiti.

    Un punto importante La fibra utile e necessaria non è generalmente raccomandata nei primi giorni dopo l'intervento. Può causare il lavoro attivo del tratto digestivo. Gli alimenti ricchi di fibre alimentari grossolane vengono iniettati quando i punti dopo l'operazione sono più o meno ritardati per 5-7 giorni.

    È necessario aderire alla regola non detta: una transizione graduale dal digiuno del primo giorno a un menu sano in futuro. Tale nutrizione di una madre che allatta dopo un parto cesareo fornirà un carico minimo sull'intestino, uno scarico libero di gas e l'assenza di stitichezza. Di conseguenza, un recupero completo arriverà più velocemente.

    Giorni all'ospedale di maternità

    Il primo giorno dopo il taglio cesareo è il più difficile. Il corpo si allontana dall'anestesia, la donna sente stanchezza, letargia e sonnolenza. L'uso di qualsiasi cibo durante questo periodo non è raccomandato, dal momento che l'intestino non è assolutamente pronto per la sua elaborazione. Tutto ciò che è permesso è un piccolo apporto di liquidi, acqua potabile perfettamente pulita senza gas.

    La nutrizione durante l'allattamento al seno dopo taglio cesareo può essere variata solo nel secondo, meno spesso nel terzo giorno.

    Temere che il bambino non abbia abbastanza vitamine e minerali - non ha senso. La qualità del latte durante l'allattamento dopo l'intervento chirurgico non ne risentirà. Durante la gravidanza, il corpo ha accumulato una quantità sufficiente di vitamine e oligoelementi, e una donna riceve sostanze nutritive per il funzionamento degli escrementi.

    Cosa dare da mangiare a mia madre dopo un parto cesareo:

    1. brodi secondari a basso contenuto di grassi costituiti da tacchino, pollo, manzo o vitello,
    2. brodo di carne montata in soufflé
    3. purè di patate senza burro,
    4. porridge salato liquido, prima nell'acqua, quindi è possibile aggiungere gradualmente il latte,
    5. ricotta grassa, ma non completamente senza grassi, kefir, yogurt fatto in casa senza aromi.

    La prima volta è possibile utilizzare alimenti per l'infanzia - vasetti di purea di verdure o di carne e cereali solubili non caseari. È necessario concentrarsi sui prodotti proteici, poiché dopo l'operazione il livello scende. Bevande e succhi di frutta diluiti, tè leggero e acqua senza gas sono ottimali per bere.

    Dieta a casa

    Dopo la dimissione, la madre che allatta deve continuare a seguire le regole per elaborare una dieta ottimale. È necessario garantire l'apporto di una quantità sufficiente di proteine, carboidrati e grassi. Per la rapida rigenerazione tissutale, l'accento può essere posto su prodotti contenenti calcio, zinco e vitamina C in grandi quantità.

    Perché è necessaria una dieta prima e dopo l'intervento chirurgico?

    L'approccio corretto alla ristorazione è importante soprattutto per il corretto svolgimento del periodo operativo e per facilitare la riabilitazione del corpo femminile dopo l'operazione. Durante l'operazione di consegna, alla donna viene data l'anestesia. Il cibo nello stomaco, che la donna ha assunto prima dell'operazione, o cibi pesanti che non vengono digeriti in poche ore, può causare un grave attacco di vomito durante l'operazione.

    Per questo motivo, la donna il giorno prima dell'intervento Si raccomanda di evitare cibi grassi e pesanti. A pranzo, il giorno prima dell'operazione prevista, i medici consigliano di mangiare solo zuppe di verdure leggere e, per il tè del pomeriggio, frutta come una mela. La cena non è più raccomandata - al corpo deve essere dato il tempo di digerire tutto ciò che già esiste nel tratto digestivo. La mattina dell'operazione, la donna riceve un clistere e gli intestini vengono puliti. Si raccomanda di non bere né mangiare questa mattina.

    Una dieta rigorosa è necessaria per i primi 1-2 giorni dopo l'intervento, in modo che l'intestino rimanga il più a lungo possibile vuoto delle feci. Lo straripamento delle anse intestinali farà pressione sull'utero, che è stato sezionato e suturato. A causa di ciò, la sua contrattilità diminuirà. E la stitichezza nel primo periodo postoperatorio è generalmente un grosso problema, poiché è doloroso e spaventoso per la donna da spingere.

    Prima che la felice mamma del neonato inizi a mangiare dal tavolo comune, deve ripristinare il normale funzionamento dell'intestino dopo l'operazione. Per questo, raccomandiamo una modalità motore speciale - dopo 5 ore dall'intervento, puoi girare dalla tua parte e dopo 8-10 ore una donna dovrebbe alzarsi e camminare. A lungo sdraiata a letto non sarà solo un prerequisito per le complicazioni dell'involuzione dell'utero, ma potrebbe anche portare a problemi di digestione.

    Quando una donna segue una dieta generale, dopo l'intervento chirurgico è particolarmente importante che sia ipercalorico. La presenza di una quantità sufficiente di proteine ​​nella dieta consentirà un recupero più rapido, oltre a un effetto positivo sul processo di produzione del latte materno.

    Primi giorni

    Il periodo postoperatorio precoce è molto importante per il puerperale. Su come passerà, dipende dall'intero periodo di riabilitazione. E a significative restrizioni nutrizionali devono essere trattati con comprensione e pazienza.

    Il primo giorno dopo il taglio cesareo non può essere. Puoi bere solo e anche una quantità limitata di liquidi, non più di un litro e mezzo al giorno. È meglio bere acqua pura senza gas con l'aggiunta di una piccola quantità di succo di limone. Puoi preparare tale acqua in anticipo, alla vigilia, e lasciarla in una bottiglia di plastica, senza dimenticare di chiedere al personale medico di portarti questa bevanda in reparto. Di sera, dopo una operazione mattutina, è consentita una piccola quantità di succo di mela verde. Non è necessario separare l'acqua, come dopo il travaglio chirurgico, l'edema degli arti inferiori, l'edema interno può svilupparsi.

    2 giorni dopo l'intervento prolunga la dieta del puerperale. Di solito, a quest'ora, le donne soffrono già abbastanza notoriamente della fame. Ma in ogni caso è tutto impossibile. Puoi bere carne magra o brodo di pollo. È importante che non sia concentrato. Meglio di tutto per il puerperale adatto cosiddetto brodo secondario, che si ottiene cambiando l'acqua nella padella dopo aver ricevuto il primo brodo più grasso. Non dovrebbe essere spezie, una grande quantità di sale, pepe.

    Al brodo, è possibile aggiungere una piccola quantità di cracker bianchi, che vengono cucinati a casa e non contengono conservanti, sale, additivi e aromi alimentari.

    Il secondo giorno, la donna può anche iniziare a mangiare purè di patate, nella cui preparazione non è stato usato il burro. Puoi bere un tè non troppo dolce e un succo diluito. Verso sera, una donna può permettersi un piccolo vasetto di carne per bambini, purè di patate.

    Il 3 ° giorno, puoi aggiungere alla tua dieta il porridge a base d'acqua. L'eccezione è il riso e la semola, che possono causare stitichezza e fermentazione nell'intestino. Non è necessario aggiungere burro e zucchero al porridge. Nella seconda metà del terzo giorno puoi mangiare cotolette di pollo al vapore, verdure bollite e al vapore, bere kefir, tè dolce.

    Da 4 giorni il puerperale viene trasferito al tavolo comune, lei può mangiare tutto ciò che è servito alle madri che allattano nel contesto dell'ospedale di maternità. Può portare qualsiasi cibo da casa, a patto che sia cotto a vapore o bollito, tutti i prodotti grassi e fritti, affumicati, semilavorati e confetteria siano completamente esclusi. Dal terzo al quarto giorno dopo il parto cesareo, le donne di solito iniziano la maggior parte dell'arrivo del latte materno. pertanto La quantità di fluido consumato dal puerperale deve essere ridotta a 800 ml al giorno in modo da non causare un'eccessiva congestione delle ghiandole mammarie.

    È l'abbondanza di frutta e verdura, così come cereali e purè di patate che aiuteranno la donna a "iniziare" rapidamente il lavoro dell'intestino, per evitare la stitichezza. Se, tuttavia, non potrebbero essere evitati, un clistere dovrebbe essere eseguito il 4 ° giorno. Sarà realizzato in un ospedale per maternità, o verrà suggerito come i lassativi miti possano essere usati per risolvere un problema delicato e spiacevole.

    Cosa c'è prima dell'operazione

    Se un'operazione è pianificata e non eseguita urgentemente a causa della minaccia di perdere un bambino, il giorno prima l'anestesista spiegherà tutto in dettaglio:

    • L'ultimo pasto è possibile non più tardi di 18 ore al giorno prima dell'operazione. Potrebbe essere:
      • brodo vegetale,
      • latticini,
      • pesce con uova strapazzate o contorno di verdura,
    • bere acqua la sera prima che l'operazione sia accettabile, ma non in grandi quantità,
    • è necessario trattenersi dal mangiare e persino dall'acqua la mattina dell'operazione. Anche una piccola porzione di cibo può interferire con l'anestesia e causare attacchi acuti incontrollabili di vomito.

    Informazioni generali sulla nutrizione postoperatoria

    Tutti gli organi ritornano ai loro siti fisiologici dopo l'operazione, durante la quale il medico sposta i muscoli e la vescica, cercando l'accesso all'utero. Ogni giorno l'utero scende di un paio di centimetri e rilascia la cavità addominale precedentemente occupata.

    Farmaci somministrati attraverso una flebo per ridurre l'utero e gli antibiotici per prevenire l'infiammazione causano gonfiore delle pareti intestinali. Tutto ciò complica il lavoro del tratto gastrointestinale. Pertanto, il cibo dovrebbe essere il più delicato e facile da digerire possibile.

    Ecco i principi generali:

    • il cibo è meglio cucinare o cuocere a vapore, piatti serviti in una forma usurata e calda (40-50 ° C),
    • hai bisogno di mangiare regolarmente, 5-6 volte al giorno,
    • è importante bere abbastanza acqua in modo che il cibo digerito non si indurisca nell'intestino,
    • il diario alimentare dovrebbe essere tenuto con la fissazione del cibo mangiato per escludere rapidamente i prodotti che sono poco assorbiti dalla madre o dal bambino,
    • deve essere escluso nei primi giorni:
      • tutti i prodotti degli allergeni G8:
        • latte vaccino,
        • uova,
        • pesce
        • grano
        • arachidi,
        • soia,
        • frutti di mare
        • noci,
      • allergeni, il più delle volte causando reazioni sotto forma di eruzioni cutanee e dolori addominali nei bambini:
        • caffè,
        • cioccolato,
        • agrumi
        • miele
        • pesce rosso
        • funghi,
        • latte condensato,
        • frutti di bosco,
      • alimenti che provocano una maggiore formazione di gas e aumentano l'acidità dello stomaco:
        • varietà grasse e muscolari di carne e pollame in arrosto e in umido, cibo in scatola,
        • specie di pesci grassi (storione, storione, ecc.) affumicati, salati, fritti, in umido,
        • uova sode, uova strapazzate, uova strapazzate, albume crudo,
        • latticini con elevata acidità, formaggi piccanti,
        • salate, sottaceti, verdure sott'olio e funghi, verdure in scatola,
        • bacche e frutti nella loro forma grezza, aspro e acerbo, cioccolato, halvah, frutti secchi non confezionati,
        • kvas, caffè, soda, succhi di bacche e frutti acerbi,
        • miglio, orzo, orzo, grano saraceno (zio) cereali, legumi, pasta intera,
        • pane di segale, fresco, pancakes, crostate, torte, muffin.

          Per la preparazione della tua dieta, usa la regola del semaforo: il più possibile dei prodotti "verdi", in una piccola quantità "giallo" sono ammessi e scartare completamente il "rosso"

          Pasti per i primi 2-3 giorni

          Una corretta alimentazione nei primi 2-3 giorni dopo il COP è particolarmente importante:

          • il 1 ° giorno scartare qualsiasi cibo. I medici raccomandano di bere acqua minerale non gassata (non inferiore a 1,5 litri) con l'aggiunta di limone per compensare la perdita di sangue. Inoltre, i contagocce sono prescritti per normalizzare il sangue,
          • Il 2 ° giorno, bere brodo di pollo magro senza verdure, carne e sale. Va bevuto 150-200 ml 2-3 volte al giorno. Bere acqua nella stessa quantità del primo giorno. Per uno spuntino pomeridiano si consiglia un bicchiere di qualsiasi prodotto a base di latte fermentato: bifilife, fiocchi di latte, kefir. Tutto senza additivi, perché la donna allatta al seno e c'è il rischio di causare allergie nel bambino,
          • nel 3 ° giorno è necessario aumentare gradualmente l'apporto calorico giornaliero. Completa il menu:
            • porridge grattugiato
            • casseruole di cagliata,
            • polpettine di carne arrotolata,
            • soufflé di carne,
            • bevande - infuso di rosa canina o composta di frutta secca,
          • nei primi tre giorni, macinare gli alimenti in modo da non causare stitichezza da cibo non digeribile. Tutti i piatti consumano in piccole porzioni di 200 ml ogni due ore. Una nutrizione regolare migliorerà la digestione.

          L'acqua prende alcune bottiglie. Sono stato tormentato personalmente dalla sete intensa - ho bevuto molta acqua - sembrava che mi stavo asciugando. Non avevo bisogno di un limone (ne ho bisogno in caso di nausea dopo l'anestesia - non per mangiare, ma solo per leccare), non ero affatto malato.

          tat2004

          http://www.uaua.info/mamforum_arch/theme/278621.html

          Ho iniziato con i polli leggeri. brodo (secondo scarico), un forno. mela al giorno, verde. tè, acqua minerale senza gas. E il 3 ° giorno puoi iniziare a mangiare crostini bianchi.
          E la cosa più importante. Ho mangiato tutto il mese per niente, in modo che non ci fossero problemi con il bagno.
          Proprio nei primi giorni della preoccupazione principale per il bambino. E se anche la mamma ha problemi con "kakahami", gonfiore e dolore, allora penso che sia doppiamente difficile.

          Sabis

          http://www.uaua.info/mamforum_arch/theme/278621.html

          Prodotti per la normalizzazione delle feci

          Il 3-4 ° giorno dopo l'operazione, è previsto il rilascio di un clistere purificante al fine di liberare l'intestino dalle masse stagnanti e incoraggiarlo a lavorare. Ma non dovresti essere coinvolto in questo: l'uso di clisteri e lassativi crea dipendenza e contrasta con la naturalezza del processo. È meglio mangiare più cibi che migliorano la digestione.

          Prodotti utili per mamma e bambino dopo l'intervento chirurgico

          Le prime 24 ore dopo l'intervento chirurgico, spesso una donna è in terapia intensiva, la durata di tale soggiorno dipende dalla complessità dell'operazione e dalle condizioni generali del puerperale. In questo momento è consentita solo acqua non gassata. A poco a poco, nella dieta vengono introdotti cibi facili da digerire: brodi, yogurt salati senza additivi. И только через несколько суток можно начинать кушать все, но приготовленное на пару, в отварном виде.

          Еда после кесарева сечения должна быть максимально облегченной, но содержащей большое количество витаминов, минералов, микроэлементов и других полезных для мамы и малыша веществ. Nelle prime settimane, la fonte di proteine ​​e tonico dovrebbe essere un brodo a basso contenuto di grassi. Nel brodo possono includere:

          • verdure varie (patate, carote, cipolle, sedano, zucchine, in seguito - cavoli, barbabietole, ecc.),
          • pollo,
          • carne di manzo,
          • altre carni magre.

          I pesci per i primi tre mesi dovrebbero essere esclusi. Questa bevanda può essere bevuta più volte al giorno, a 150-200 ml. Questo è un eccellente prodotto per il recupero dopo il parto, per la normalizzazione del tratto gastrointestinale e per l'allattamento.

          Il cibo dopo un taglio cesareo in una madre appena fatta dovrebbe essere abbondante in frutta e verdura. Inseriscili nella dieta dopo l'intervento chirurgico non prima di 5 -7 giorni. Ma qui dovresti stare attento e non scegliere prodotti con un colore brillante, e usarli solo dopo il trattamento termico: bollire, stufare, cuocere al vapore, cuocere al forno. Certo, alcune vitamine e sostanze nutritive andranno via, ma la prima volta dopo l'operazione dovrai abituarti a un cibo così parsimonioso. Questi possono essere:

          Il vantaggio inestimabile per il corpo di madre e bambino si trova nei prodotti a base di latte fermentato - yogurt, fiocchi di latte, kefir, ryazhenka. Tutti ripristinano la microflora intestinale e sono una fonte di proteine, e questa è la base dell'immunità e della costruzione del tessuto. Il latte dovrebbe essere trattato con maggiore cautela e introdotto poco a poco, poiché i bambini hanno una reazione allergica ad esso.

          Non dimenticare di cereali, avena, grano saraceno, miglio e orzo, particolarmente utili e ricchi di vitamine e microelementi. Dovrebbero anche essere sul menu dopo un taglio cesareo.

          Le varietà di carne a basso contenuto di grassi possono essere inserite dopo 5-7 giorni con un normale periodo postoperatorio. Ma, ancora, tutto è solo bollito, cotto a vapore. Delizie fritte aspettano.

          Primo giorno

          In medicina, il primo giorno dopo l'intervento chirurgico è correttamente chiamato il giorno zero. Durante questo periodo, il puerperale non può essere altro che acqua non gassata. Per aggiungere sapore, è possibile aggiungere un po 'di succo di limone spremuto. Ma ancora, il limone è allergenico, quindi è meglio astenersi, in modo da non provocare una reazione negativa da parte del bambino. Per scopi terapeutici, oltre a dare forza ed energia, sono sempre prescritte infusioni endovenose di soluzioni, incluso il glucosio.

          Terzo giorno

          Non appena la donna inizia a sentire il brontolio nello stomaco, i gas escono, questo è considerato il primo segnale che il tratto gastrointestinale ha iniziato a funzionare in pieno. A poco a poco, è possibile inserire carne magra bollita, polpette di carne e polpette, al vapore, così come ricotta e formaggio, cereali vari. Anche le verdure e la frutta dovrebbero essere cotte, mele al forno, carote bollite, ecc. La dieta dopo il taglio cesareo dovrebbe essere gradualmente estesa, la madre dovrebbe monitorare sia le sue condizioni che la reazione del bambino. Un segno che il corpo della donna funziona senza intoppi e viene ripristinato - la prima sedia per 2 - 3 giorni, e quindi l'assenza di stitichezza, gonfiore, coliche, ecc.

          Dopo la dimissione

          Con l'arrivo della mamma a casa dovrebbe essere attento alla vostra dieta, soprattutto quando si allatta al seno. Raccomandazioni dovrebbero essere seguite per almeno tre mesi - è in questo periodo che il bambino ha bisogno di completare le reazioni adattive, anche dal tratto gastrointestinale.

          È consigliabile includere nella dieta:

          • latticini,
          • carne, idealmente magra,
          • fegato, pollo migliore,
          • Verdure e frutta "tranquille", ad esempio, mele verdi.

          Prodotti che dovrebbero essere scartati:

          • tutto ciò che i genitori del bambino e i loro parenti stretti sono allergici a
          • prelibatezze al cioccolato e al cacao,
          • limone e frutta luminosa,
          • fast food
          • carne affumicata, frutta e verdura in salamoia.
          • funghi,
          • cibi fritti e grassi.

          Come cucinare

          C'è un'opinione secondo cui il processo di cottura durante l'allattamento, specialmente dopo un taglio cesareo, richiede enormi sforzi e fantasie. Questo non è del tutto vero, solo il cibo dovrebbe essere il più delicato possibile alla mucosa gastrointestinale. Chiunque sia abituato a un'alimentazione sana difficilmente noterà cambiamenti nel suo menu.

          Nei primi giorni, la vera salvezza e il cibo più utile per le donne sarà il brodo. Come cucinarlo correttamente?

          Devi prendere 500 - 1000 ml di acqua, far bollire un pezzo di carne magra. Si raccomanda diverse volte di drenare l'acqua dopo la bollitura, al fine di ridurre il contenuto di grassi e limitare il flusso di sostanze nocive, e quindi a un corpo indebolito.

          Al terzo momento di versare il liquido, è possibile aggiungere alcune verdure (di solito patate, carote, cipolle), nonché una piccola quantità di spezie (aneto, pepe macinato, sale). Dopo che le verdure e la carne sono state bollite, è preferibile macinare tutto con un frullatore. Quindi puoi mangiare. Nel tempo, la percentuale di carne e verdure può essere aumentata.

          Secondi piatti

          In questo momento, lo stomaco e l'intestino saranno grati al loro proprietario se il cibo entra morbido, sano e allo stesso tempo nutriente. Ad esempio, hamburger al vapore, polpette di carne, carne al forno e tutto ciò in forma bollita. Questo cibo si sposa bene con cereali e cereali di vario tipo. Gli alimenti fritti e grassi caricheranno il tratto gastrointestinale, causando stitichezza, gonfiore, ecc.

          Caratteristiche alimentari per la stitichezza

          La stitichezza è uno dei problemi più comuni delle donne dopo il parto. Come mangiare dopo un taglio cesareo per evitare questo problema e tutte le condizioni che provoca, ad esempio, l'aspetto o l'esasperazione delle emorroidi?

          Tutti i prodotti che fissano la sedia, è meglio escludere per la prima volta. Si tratta di riso, patate, farina e prodotti da forno, in particolare quelli freschi (ad eccezione della pasticceria a base di farina grezza e farina di lino). Se solo la dieta non può essere regolata, è meglio ricorrere a ulteriori farmaci sicuri ed efficaci, ad esempio, a base di lattulosio.

          Raccomandiamo di leggere l'articolo sulla costipazione dopo il parto cesareo. Da esso apprenderete i segni di feci alterate dopo l'intervento chirurgico, le cause del problema, i farmaci e la medicina tradizionale per ripristinare la normale funzione intestinale.

          Una corretta alimentazione dopo il parto, specialmente dopo l'esecuzione del taglio cesareo, è una garanzia di recupero rapido, buon umore e conseguenze negative minime per la madre e il bambino. Soprattutto dopo il travaglio, una donna il primo giorno dovrebbe ascoltare il consiglio del suo medico e seguire tutte le sue istruzioni. Solo lui può valutare adeguatamente i bisogni per un determinato periodo di tempo. Dopo aver provato una dieta sana, molte donne insegnano gradualmente a tutta la famiglia e rimangono per sempre seguaci di tale dieta.

          Guarda il video: L'ABC della Corretta Alimentazione e Attività Fisica - Come vivere bene e fare prevenzione (Settembre 2019).

    Loading...