Messaggi Popolari

Scelta Del Redattore - 2019

Periodi di lavoro e il loro corso

Il parto è un processo fisiologico che avviene naturalmente e termina con la nascita di un bambino. È normale che ogni donna sia preoccupata alla vigilia di un evento così importante. Ma le paure e le esperienze non dovrebbero impedirle di liberarsi dal peso. Attraversare tutti i periodi di parto non è un test facile, ma alla fine di questo viaggio una donna sta aspettando un miracolo.

Lo stadio iniziale (precursori) è praticamente indolore, quindi le donne incinte spesso mettono in dubbio le sensazioni vissute. Proviamo a capire quali segni indicano l'inizio del travaglio, come distinguere tra i loro periodi e facilitare il processo di nascita di un bambino nel mondo.

Predatori di parto, cosa sono?

Gli arpisti del parto sono chiamati cambiamenti nel corpo di una donna, che inizia a circa 37 settimane di gravidanza. Nei periodi successivi, si verificano le seguenti modifiche:

  1. Perdita di peso acuta. Una perdita di peso di 1-2 kg alla fine del terzo trimestre di gravidanza è completamente normale. L'eccesso di liquidi durante questo periodo viene gradualmente espulso dal corpo, che segnala l'inizio della sua preparazione al parto.
  2. Minzione frequente e diarrea. Frequenti inviti al bagno suggeriscono che il travaglio può iniziare in qualsiasi momento. Il bambino sta ingrassando e alla fine della gravidanza, l'utero allargato sta premendo sull'intestino e sulla vescica della donna.
  3. Scarica del tappo del muco. Una donna incinta che sta monitorando da vicino la sua salute può notare cambiamenti nelle secrezioni quotidiane dal tratto genitale. L'aumento del loro numero e la presenza di una piccola massa o striscia di muco sono il risultato della preparazione della cervice per il parto. Ma se lo scarico è abbondante, con un odore sgradevole e una miscela di sangue, è urgente contattare il ginecologo locale o chiamare un'ambulanza.
  4. Dolore doloroso all'addome o alla schiena. Tale disagio è solitamente associato a combattimenti di allenamento. Non hanno una periodicità chiara, non aumentano e alla fine cessano. Quindi il tessuto muscolare si sta preparando per il prossimo lavoro di parto. I combattimenti di allenamento di solito diminuiscono quando la posizione del corpo cambia.
  5. Omissione dell'addome Questo è un segno che il bambino si sta preparando per il parto. Se è nella posizione corretta, allora la sua testa è già inserita nel bacino. Durante questo periodo, le donne incinte notano la facilità, nonostante la grande pancia. Questo accade perché l'utero con il bambino va giù e fa più spazio per i polmoni, lo stomaco e altri organi interni della futura madre. Se una donna è infastidita dal bruciore di stomaco, di solito si allontana dopo una ptosi dell'addome.
  6. Cambiamenti nella cervice (levigante, ammorbidente). La donna non li sente, per giudicare la prontezza della cervice per parto può ostetrico-ginecologo durante l'esame.
  7. Diminuzione dell'attività motoria fetale. Alla fine della gravidanza, la donna nota che il bambino è diventato meno toccante. Questo è normale, perché sta crescendo rapidamente e c'è meno spazio per il movimento. Ma non bisogna trascurare il comportamento molto attivo del bambino durante questo periodo. Spesso, segnala che il bambino non ha abbastanza ossigeno. Maggiori informazioni sull'ipossia fetale →

Per dissipare i dubbi, è necessario sottoporsi ad un esame (ecografia, CTG, Doppler) e consultare un medico.


Periodi di lavoro: la loro durata e caratteristiche

Il parto consiste in alcune fasi del travaglio. Ce ne sono solo tre, e ogni donna deve sforzarsi per aiutare un nuovo uomo a nascere.

Normalmente, la prima nascita dura 8-12 ore, la seconda e successiva passa più velocemente. Ma ci possono essere casi di prolungata (più di 18 ore) o di consegna rapida, quando dall'inizio delle contrazioni alla comparsa di un bambino ci vuole circa un'ora.

La prima fase del lavoro

Questo è uno dei periodi di lavoro più lunghi in ostetricia. Comincia con il dolore che colpisce nell'addome o nella schiena. Ci sono tre fasi attive:

  1. Fase latente Le contrazioni dell'utero diventano regolari, il divario tra loro diminuisce, si ripetono con una frequenza di 15-20 minuti. Di solito dopo 5-6 ore di tali contrazioni, la cervice si apre a 4 cm.
  2. Fase attiva L'intensità e il dolore delle contrazioni sono in aumento. La donna ha 5-6 minuti per provare a riposare tra le contrazioni. In questa fase, può verificarsi la rottura del liquido amniotico. Se necessario, questo processo aiuta il medico. A causa delle frequenti contrazioni dolorose che si susseguono con crescente frequenza, dopo poche ore l'apertura della bocca uterina è già di 8 cm.
  3. Fase di transizione Il dolore diminuisce leggermente. In una donna in travaglio può essere il desiderio di spingere. Ma fino a quando l'utero non si è completamente aperto, questo non può essere fatto, altrimenti c'è il rischio di ferire il bambino e danneggiare la propria salute. Fasi del primo periodo terminano quando un ostetrico-ginecologo verifica la completa rivelazione di 10 cm.

Accade anche che il parto non inizi con le contrazioni, ma con lo scarico di liquido amniotico o sanguinamento. Ecco perché una donna dovrebbe monitorare attentamente la propria salute in modo particolare durante la gravidanza.

Il minimo sospetto o dubbio è un motivo per andare all'ospedale di maternità e assicurarsi che tutto sia in ordine con il bambino. Un esame tempestivo da parte di uno specialista aiuterà a prevenire possibili complicazioni e ad accertare se il travaglio sia iniziato.

Il secondo periodo di lavoro

Come è noto, i periodi di parto e la loro durata sono individuali per ogni donna e si svolgono in modi diversi per tutti. Nella seconda fase, un'opera difficile, ma molto importante, attende il partoriente. Il risultato dipenderà dagli sforzi congiunti della donna e del personale medico dell'ospedale.

Quindi, un'apertura del collo di 10 cm e tentativi sono un segno della completa preparazione del corpo per la nascita di un bambino.

Durante questo periodo, la donna in travaglio deve ascoltare l'ostetrica, che le dirà come raddrizzarsi e respirare correttamente. Di solito, il medico raccomanda all'inizio della contrazione di prendere un pieno petto d'aria, trattenere il respiro e spingere il bambino fuori. Quindi espira e ricomincia da capo. Durante uno scontro è desiderabile fare tre approcci di questo tipo.

Durante la seconda fase del travaglio, per evitare rotture multiple, potrebbe essere necessario effettuare un'incisione perineale (episiotomia). Questo è necessario se il bambino ha una testa grande o un peso grande. Dopo il parto, una donna in anestesia locale o generale viene ricucita nei siti di incisione.

La testa del bambino non nasce immediatamente, dapprima appare e scompare più volte nel perineo, poi finalmente è fissata nel bacino della donna in travaglio. Se una donna segue il consiglio di un ostetrico, allora il bambino sarà completamente nato al prossimo tentativo.

Dopo la nascita, il cordone ombelicale viene bloccato con speciali strumenti sterili, quindi viene tagliato e il bambino viene posizionato sul seno della madre. Dopo un duro lavoro nel corpo di una donna, viene prodotta l'endorfina ("l'ormone della felicità"), a causa della quale il dolore e la fatica vengono dimenticati.

La terza fase del lavoro

Le fasi dell'attività lavorativa si avvicinano alla loro conclusione logica, rimane solo per dare alla luce la placenta. L'utero ricomincia a contrarsi, ma l'intensità delle sensazioni dolorose viene significativamente ridotta e, dopo diversi tentativi, la donna si sbarazza della placenta.

Quindi, il ginecologo esamina attentamente il canale del parto per crepe e lacrime. Se la placenta se ne è andata completamente, e la donna in travaglio non ha ferite, dopo tutte le manipolazioni necessarie la donna viene lasciata riposare.

Quando la placenta è incompleta, i medici devono eseguire un esame manuale dell'utero. La procedura si svolge in anestesia e nelle prossime ore si osserva la condizione della donna.

Il terzo periodo per una mamma felice passa quasi inosservato. Un bambino viene preso da lei per pesare e valutare le sue condizioni generali. Non sente più dolore, tutta l'attenzione è focalizzata sul neonato, che viene prima applicato al petto.

Metodi per facilitare il processo di nascita

Le fasi del parto differiscono tra loro nella natura e nella frequenza del dolore.

Ma ci sono diversi modi e tecniche che possono facilitare il processo. Questi includono:

  1. Camminare e cambiare la posizione del corpo durante il travaglio. Molti medici raccomandano a una donna durante la dilatazione intensiva della cervice il più possibile di muoversi e scegliere la postura più comoda. La velocità di apertura della bocca uterina dipende da quanto una donna in travaglio può rilassarsi. Durante il travaglio, l'utero è teso e la futura mamma si ritira involontariamente dal dolore. Il tessuto muscolare in tali condizioni è difficile da contrarre rapidamente. Pertanto, una donna dovrebbe studiare il processo del parto passo dopo passo per sapere cosa sta succedendo con il suo corpo. Più velocemente riesce a rilassare i muscoli addominali, prima il bambino nascerà.
  2. Massaggi aree dolorose. Poiché la donna in travaglio non può sempre fare da sola gli sforzi necessari, in tal caso non può fare a meno di un aiuto esterno (marito, madre, sorella o fidanzata). Massaggiando l'area sacrale e agendo sui punti dolenti durante la contrazione, il partner commuta l'attenzione della donna e la aiuta a rilassarsi.
  3. Esercizi di respirazione Come sapete, durante il periodo di forti contrazioni nella donna in travaglio il ritmo respiratorio viene periodicamente disturbato. Ciò porta ad un insufficiente apporto di ossigeno al bambino e minaccia la sua salute. Pertanto, è necessario scegliere una tecnica adeguata che aiuterà la futura gestante a far fronte al problema.
  4. Atteggiamento positivo e autosufficienza. Stranamente, ma questo approccio al parto è abbastanza efficace. Quando una donna ha paura del dolore e si lascia prendere dal panico, perde il controllo sul processo. Viceversa, non appena riesce a rimettersi in sesto, le contrazioni vengono più facilmente tollerate.
  5. Anestesia epidurale Questo metodo di anestesia viene utilizzato durante il travaglio quando la cervice viene aperta di 4-5 cm. Uno speciale catetere viene inserito nello spazio epidurale, che si trova nella parte bassa della schiena. Attraverso di esso, un farmaco che blocca il dolore viene consegnato alla madre. Dopo qualche tempo, la sua azione si indebolisce o si arresta completamente, così che una donna possa sentire le contrazioni e partecipare pienamente al processo di nascita. L'anestesia viene eseguita dall'anestesista solo con il consenso scritto della madre.

Una donna che si prepara a diventare madre può ottenere direttamente dal suo medico tutte le informazioni di cui ha bisogno. Tuttavia, oltre alla teoria, sono anche necessarie abilità pratiche. Per questo ci sono corsi per i futuri genitori.

Visitando tali classi, le donne incinte imparano a comportarsi correttamente durante il parto, familiarizzano con varie tecniche di respirazione e tecniche di massaggio. Gli istruttori non solo raccontano, ma dimostrano anche chiaramente tutte le tecniche e i modi per facilitare il processo generico.

L'autore: Natalia Kochetkova,
specificamente per Mama66.ru

1 (primo) periodo di nascita - il periodo di divulgazione:

Questo periodo di parto inizia dopo un periodo preliminare breve o prolungato, si verifica la lisciatura finale della cervice e l'apertura della faringe esterna del canale cervicale in misura sufficiente ad espellere il feto dall'utero, t.


E. 10 cm o, come notato nei vecchi tempi - 5 dita incrociate.

La dilatazione cervicale si presenta in modo diverso nelle donne primipare e multiparate.
Nelle donne primipare, la faringe interna si apre prima, e poi quella esterna, e nel caso di donne multiparte, le mascelle interne ed esterne si aprono simultaneamente. In altre parole, la donna prima dà alla luce un accorciamento e levigatezza del collo, e solo allora l'apertura della faringe esterna. In una donna eterogenea, sia accorciamento, levigante e apertura del collo si verificano contemporaneamente.

Come già accennato, il livellamento della cervice e l'apertura della faringe esterna si verificano a causa di retrazioni e distrazioni. Il tasso medio di apertura del collo da 1 a 2 cm all'ora. La dilatazione cervicale viene favorita spostando il liquido amniotico verso il polo inferiore della vescica fetale.

Quando la testa viene abbassata e premuta contro l'entrata della piccola pelvi, è su tutti i lati in contatto con l'area del segmento inferiore. La posizione della testa della parete del feto del segmento inferiore dell'utero è chiamata la cintura di contatto, che divide il liquido amniotico nella parte anteriore e posteriore. Sotto la pressione del liquido amniotico, il polo inferiore dell'uovo fetale (vescica fetale) esfolia dalle pareti dell'utero e penetra nella faringe interna del canale cervicale.

Durante le contrazioni, la vescica fetale viene versata con acqua e tesa, contribuendo all'apertura della cervice. La rottura delle membrane avviene al massimo allungamento del polo inferiore durante la contrazione. L'ottimale è l'apertura spontanea della vescica fetale quando la dilatazione cervicale è di 7-8 cm in una donna primipare, e in una donna ripetitiva 5-6 cm la rivelazione è sufficiente.La promozione della testa attraverso il canale del parto favorisce una maggiore tensione nel sacco amniotico. Se l'acqua non scorre via, vengono dissezionate artificialmente, che è chiamata amniotomia. Con l'insolvenza delle membrane fetali di acqua partono prima.

Lo scarico delle acque prima dell'inizio dell'attività lavorativa è considerato prematuro, il primo - nella prima fase del travaglio, ma prima della divulgazione ottimale. Con dissezione artificiale o artificiale della vescica fetale, il liquido amniotico anteriore scorre via, e l'acqua posteriore viene versata insieme al bambino.

Quando la cervice si apre (specialmente dopo lo scarico delle acque anteriori), la testa non regge nulla e scende (si muove lungo il canale del parto). Durante il primo periodo di lavoro fisiologico, la testa esegue i primi due punti del biomeccanismo del travaglio: flessione e rotazione interna, mentre la testa viene abbassata nella cavità pelvica o nel pavimento pelvico.

Cadendo, la testa passa attraverso i seguenti passaggi: sopra l'ingresso del bacino, premuto per l'ingresso al bacino, un piccolo segmento all'ingresso del bacino, un ampio segmento all'ingresso del bacino, nella cavità pelvica, sul pavimento pelvico. La promozione della testa è promossa da regolari contrazioni, le cui caratteristiche sono date. Spingere il feto contribuisce maggiormente all'attività contrattile del corpo dell'utero.

Nel lavoro normale, il primo periodo di lavoro scorre armoniosamente in termini di indicatori principali: dilatazione cervicale, contrazioni, abbassamento della testa e scarico di acqua. Il primo periodo inizia con le contrazioni regolari (che durano almeno 25 secondi, con un intervallo di non più di 10 minuti) e l'apertura del collo (in questo caso, le acque intere e la testa premuta contro l'ingresso del piccolo bacino sono ottimali). Il primo periodo termina quando la cervice viene completamente aperta (10 cm), le contrazioni - ogni 3-4 minuti per 50 secondi, e i tentativi iniziano, le acque si sono spostate e la testa dovrebbe affondare nel pavimento pelvico a quest'ora. Nella prima fase del travaglio si distinguono tre fasi: latente, attiva e transitoria.

La fase latente è del 50-55% della durata del primo periodo, inizia con l'inizio delle contrazioni regolari e l'inizio dell'apertura della cervice, alla fine delle contrazioni dovrebbe essere 30-35 secondi dopo 5 minuti, l'apertura della cervice è 3-4 cm. bacino. La durata di questa fase dipende dalla prontezza del canale del parto ed è di 4-6 ore.

La fase attiva dura non più del 30-40% del tempo totale del periodo di divulgazione, le sue caratteristiche iniziali sono le stesse della fine del periodo di latenza. Entro la fine della fase attiva, l'apertura è di 8 cm, le contrazioni in 3-5 minuti a 45 secondi, la testa è in un segmento piccolo o anche ampio all'ingresso del bacino. Entro la fine di questo periodo, il liquido amniotico o l'amniotomia dovrebbero essere ritirati.

La fase transitoria dura non più del 15% delle volte, con una moltiplicazione più veloce. Termina con un'apertura completa del collo, le contrazioni alla sua estremità dovrebbero essere ogni 3 minuti per 50-60 secondi, la testa sprofonda nella cavità pelvica o addirittura affonda sul pavimento pelvico.

2 (secondo) periodo di nascita - il periodo di esilio:

Inizia dopo l'apertura completa della gola e termina con la nascita di un bambino. Le acque di questo periodo devono muoversi. Le contrazioni diventano più potenti e si verificano ogni 3 minuti per quasi un minuto. Tutti i tipi di contrazioni raggiungono il massimo: sia l'attività contrattile, sia le retrazioni e le distrazioni.

Testa nella cavità pelvica o nel pavimento pelvico. Aumenta la pressione intrauterina e quindi la pressione intra-addominale. Le pareti dell'utero diventano più spesse e avvolgono più strettamente il feto. Il segmento inferiore spiegato e la cervice levigata con una gola aperta formano insieme alla vagina il canale del parto, che corrisponde alle dimensioni della testa e del corpo del feto.

All'inizio del periodo di espulsione, la testa entra intimamente in contatto con il segmento inferiore - la cintura interna di contatto e con essa strettamente adiacente alle pareti del bacino piccolo - la cintura esterna di contatto. I tentativi sono uniti alle contrazioni - le contrazioni di riflesso riflessivo dei muscoli striati dei muscoli addominali. Una donna in travaglio riesce a rafforzarsi o indebolirsi.

Durante il tentativo, il respiro della donna viene ritardato, il diaframma si abbassa, i muscoli addominali diventano molto tesi, la pressione intrauterina aumenta. Плод под влиянием изгоняющих сил приобретает очертание баклажана: позвоночник плода разгибается, скрещенные ручки плотнее прижимаются к туловищу, плечики поднимаются к головке, и верхний конец плода приобретает цилиндрическую форму, ножки согнуты в тазобедренных и коленных суставах.

I movimenti di traslazione del feto sono fatti lungo l'asse del filo del bacino (l'asse del bacino, o l'asse del canale del parto, passa attraverso i punti di intersezione delle dimensioni dirette e trasversali dei quattro piani classici del bacino). L'asse pelvico è piegato secondo la forma concava della superficie anteriore del sacro, all'uscita del bacino, è diretto anteriormente alla sinfisi. Il canale osseo è caratterizzato da dimensioni disuguali delle sue pareti e dimensioni in piani separati. Le pareti della pelvica irregolare. Sinfisi molto più breve del sacro.

I tessuti molli del canale del parto, oltre al segmento inferiore disteso e alla vagina, comprendono i muscoli parietali del bacino e del pavimento pelvico. I muscoli pelvici che rivestono il canale osseo distendono l'irregolarità della sua superficie interna, creando condizioni favorevoli per l'avanzamento della testa. I muscoli e la fascia del pavimento pelvico e l'anello del boulevard fino agli ultimi momenti della nascita offrono resistenza alla testa che avanza, facilitando così la sua rotazione attorno all'asse orizzontale. Resistendo, i muscoli del pavimento pelvico allo stesso tempo si allungano, si spostano reciprocamente e formano un tubo di uscita allungato, il cui diametro corrisponde alla dimensione della testa e del corpo nascente del feto. Questo tubo, che è una continuazione del canale osseo, non è rettilineo, ma si muove obliquamente, curvando sotto forma di arco.

Il bordo inferiore del canale del parto è formato dall'anello vulvare. La linea cablata del canale del parto ha la forma di una curva ("amo da pesca"). Nel canale osseo va verso il basso quasi dritto, e sul fondo del bacino - si piega e va anteriormente. Nella prima fase del travaglio, la testa è flessa e la sua rotazione interna avviene, e nella seconda fase del travaglio, i rimanenti momenti del biomeccanismo del parto.

3 (terzo) periodo - periodo di follow-up:

3 periodo di parto termina con la nascita di un bambino. La sua durata è di 30-60 minuti in primipare e 20-30 minuti. Durante questo periodo, la donna avverte frequenti, lunghe, forti e dolorose contrazioni, sente una forte pressione sul retto e sui muscoli del perineo, che la spingono a spingere. Fa un lavoro fisico molto duro ed è sotto stress. A questo proposito, ci può essere un aumento della frequenza cardiaca, un aumento della pressione sanguigna, a causa di tensioni e ritardi nella respirazione, vi è un arrossamento del viso, un ritmo anomalo della respirazione, tremori e crampi muscolari. Dopo la nascita del feto, inizia la terza fase del travaglio - il parto.

Nella terza fase del travaglio si verifica:

1. La separazione della placenta e delle membrane dalle pareti dell'utero.
2. L'espulsione della placenta esfoliata dal tratto genitale.

Alcuni minuti dopo la nascita del feto, le contrazioni riprendono, contribuendo al distacco della placenta e all'espulsione della placenta separata (placenta, membrana, cordone ombelicale). Dopo la nascita del feto, l'utero diminuisce e diventa arrotondato, il suo fondo si trova a livello dell'ombelico. Con contrazioni successive, l'intera muscolatura dell'utero viene ridotta, compresa l'area di attacco della placenta - il sito placentare. La placenta non si restringe e quindi viene spostata da un sito placentare più piccolo.

La placenta si piega, si gonfia nella cavità uterina e, infine, si esfolia dal suo muro. La placenta esfolia nello strato spugnoso (spugnoso), nell'area del sito placentare sulla parete dell'utero rimarrà lo strato basale della mucosa e lo stomaco dello strato spugnoso.

In violazione della connessione tra la placenta e la parete uterina, i vasi uteroplacentari della rottura del sito placentare. La separazione della placenta dal muro uterino avviene dal centro o dai bordi. Con l'inizio del distacco placentare dal centro, il sangue si accumula tra la placenta e la parete dell'utero e si forma un ematoma placentare posteriore. L'ematoma in crescita contribuisce all'ulteriore distacco della placenta e alla sua protrusione nella cavità uterina.

Quando cerca di scappare, la placenta lascia il tratto genitale con la superficie fetale verso l'esterno, le membrane sono capovolte (la membrana dell'acqua è all'esterno), la superficie materna è rivolta verso l'interno della placenta. Questa variante di distacco della placenta, descritta da Schulze, è più comune. Se la separazione della placenta inizia dalla periferia, il sangue dei vasi danneggiati non forma un ematoma retroplacentare, ma scorre tra la parete dell'utero e le membrane. Dopo completa separazione, la placenta scivola verso il basso e tira il guscio.

La placenta nasce con il margine inferiore in avanti, la superficie materna verso l'esterno. Le conchiglie mantengono il luogo in cui si trovavano nell'utero (la conchiglia d'acqua all'interno). Questa opzione è descritta da Duncan. La nascita della placenta, separata dalle pareti dell'utero, oltre alle contrazioni, è favorita dai tentativi che avvengono quando la placenta si muove nella vagina e irrita i muscoli del pavimento pelvico. Nel processo di escrezione della placenta, la gravità della placenta e l'ematoma retroplacentare sono di secondaria importanza.

Con la posizione orizzontale della donna in travaglio, è più facile separare la placenta, situata sulla parete frontale dell'utero. Nel travaglio normale, la separazione della placenta dalla parete uterina avviene solo nella terza fase del travaglio. Nei primi due periodi, la separazione non si verifica, dal momento che il punto di attacco della placenta è ridotto in meno rispetto agli altri reparti dell'utero, la pressione intrauterina impedisce la separazione della placenta.

3 periodo di lavoro è il più breve. La donna stanca in travaglio sta calma, il suo respiro è uniforme, la tachicardia scompare, la pressione sanguigna arriva al livello iniziale. La temperatura corporea è normalmente normale. La pelle ha un colore normale. Le contrazioni sequenziali di solito non causano disagio. Le contrazioni moderatamente dolorose sono solo in multiparso.

Il fondo dell'utero dopo la nascita del feto si trova a livello dell'ombelico. Durante le contrazioni post-lavoro, l'utero diventa più denso, più stretto, più piatto, il fondo si alza sopra l'ombelico e più spesso devia verso destra. A volte il fondo dell'utero sale all'arco costale. Questi cambiamenti indicano che la placenta, insieme con l'ematoma retroplacentare, è scesa nel segmento uterino inferiore, mentre il corpo dell'utero ha una consistenza densa, e il segmento inferiore ha una consistenza morbida.

La donna ha il desiderio di spingere e la placenta nasce. Nel periodo successivo al parto normale, la perdita di sangue fisiologica è di 100-300 ml, una media di 250 ml o 0,5% del peso corporeo della donna nelle donne di peso fino a 80 kg (e lo 0,3% con un peso corporeo superiore a 80 kg). Se la placenta è separata al centro (la variante descritta da Schulze), il sangue viene secreto insieme alla placenta. Se la separazione della placenta dal bordo (opzione, descritta da Duncan), allora parte del sangue viene assegnata prima della nascita della placenta, e spesso - con lui. Dopo la nascita della placenta, l'utero viene drasticamente ridotto.

Quali sono i periodi di parto?

L'attesa di un bambino è sempre associata a una certa eccitazione. In particolare, a causa dell'imminente nascita, le donne incinte stanno vivendo per la prima volta. L'ansia eccessiva, di regola, sorge a causa di un'insufficiente consapevolezza del lato fisiologico del problema. Per evitare l'emergere di un sentimento di paura prima dell'evento imminente, le madri in dolce attesa devono sapere che l'attività generica è un atto naturale volto a spingere il feto fuori dall'utero dopo che raggiunge un certo grado di maturità.

Come risultato di questo evento, i cambiamenti si verificano nel corpo della donna, permettendo al bambino di nascere senza ostacoli. Pertanto, l'espulsione del feto avviene a causa dell'apertura della gola del canale cervicale e delle intense contrazioni uterine. In questo caso, il periodo minimo consentito per il rilascio naturale del bambino dalle membrane è 28-29 settimane di gravidanza.

Durata media del travaglio

La durata del processo per ogni donna dipende da un numero enorme di fattori sia esogeni che endogeni. Insieme a questo, la durata media del parto naturale in nullipare è di 10-12 ore, mentre in quella multiparo - 6-8 ore. In alcuni casi, il processo può richiedere una natura protratta e durare da 1,5 a 2 giorni. Prompt è la nascita del bambino nel mondo entro 3 ore dopo l'inizio delle prime contrazioni uterine della donna.

Periodi di lavoro e la loro durata

Il processo semplice dell'aspetto di un bambino è caratterizzato dal successivo cambiamento di uno stadio da un altro. Non c'è dubbio che ogni singola donna partorisca in modi completamente diversi. Allo stesso tempo, indipendentemente dalla durata e dall'intensità del processo, il corpo della donna subisce invariabilmente un'intera serie di cambiamenti ormonali e fisici. Questi ultimi cominciano a manifestarsi già nella fase preliminare (preparatoria) e raggiungono il loro apice nelle successive fasi del travaglio:

  • divulgazione,
  • esilio,
  • osservazione postparto (puerperalnogo).

preliminare

Questo stadio può durare da diverse ore a giorni. Durante il periodo preparatorio, una donna in travaglio avverte solo leggeri spasmi, assomigliando al disagio all'inizio delle mestruazioni. Lo stadio preliminare è caratterizzato da addolcimento e accorciamento della cervice, abbondanti perdite vaginali biancastre. In alcune donne, questo periodo può essere accompagnato da cosiddette contrazioni all'utero dell'allenamento, che in ostetricia si qualificano come contrazioni di Brexton-Hicks e sono indicate come precursori dell'aspetto imminente del bambino.

Questo stadio è considerato il più doloroso e lungo. Per le donne prima e secondaria, il primo periodo non è uniforme. Quindi, nel primo caso, vi è un'apertura graduale della cavità uterina, che dura circa 10 ore. Nel secondo si osserva il livellamento e l'espansione simultanea del canale cervicale. La durata del primo periodo in multiparous è di 6-7 ore. Allo stesso tempo, il livellamento del canale cervicale e l'apertura della faringe esterna avvengono sotto l'influenza delle contrazioni del lavoro, durante le quali si osservano i seguenti muscoli nei muscoli dell'utero:

  • contrazione - riduzione delle fibre
  • retrazioni - spostamento muscolare,
  • distrazione - tirando i muscoli circolatori del canale cervicale ai lati e verso l'alto.

Sullo sfondo di questi processi, il segmento inferiore dell'utero diventa liscio, corto, morbido. Questa condizione indica una nascita precoce. All'inizio del periodo di apertura, le contrazioni uterine diventano regolari, sebbene ancora relativamente rare, di breve durata e deboli, e la donna in travaglio sperimenta sensazioni dolorose di intensità variabile.

Sulla base della valutazione della natura delle contrazioni, il tasso di apertura del canale cervicale, il primo periodo comprende le seguenti fasi:

  1. Latente: in questa fase una donna sperimenta spiacevoli sensazioni di trazione nell'addome inferiore. In questo caso, l'intervallo tra le contrazioni è relativamente uguale e ammonta a 15-20 minuti. La durata delle contrazioni uterine raggiunge i 10-25 secondi. La fase latente del travaglio dura 5-6 ore e termina con un'apertura cervicale fino a 4-5 cm. In questa fase, l'anestesia può essere impostata.
  2. Attivo: prevede il potenziamento dell'attività lavorativa. La fase attiva dura da 1,5 a 3 ore. La rivelazione del canale cervicale progredisce fino a 4-8 cm. Contro lo sfondo delle contrazioni regolari dell'utero (ogni 5-6 minuti), la donna avverte un dolore acuto, che spesso funge da indicazione per il sollievo dal dolore del travaglio. La maggior parte delle donne durante la fase attiva disturba l'integrità della vescica fetale.
  3. Transitorio - caratterizzato da un certo rallentamento nel processo. Inoltre, c'è un aumento del dolore generico. La fase di transizione dura 1-2 ore e termina con la completa rivelazione della faringe uterina a 11-12 cm.

Normalmente, tutte le fasi dell'attività lavorativa si sostituiscono sistematicamente a vicenda. Nel frattempo, in una situazione in cui vi è un rallentamento nel processo, è possibile assegnare stimolanti (flebo con pitocina). Inoltre, se c'è una rottura prematura del liquido amniotico, il medico deve controllare il battito cardiaco fetale e assicurarsi che il periodo di aridità non superi le 12 ore.

Fai primipare

È noto che il primo stadio delle donne che si stanno preparando per la prima volta a diventare madri, procede in modo un po 'diverso rispetto alle donne che hanno esperienza in questo senso. Quindi, in primipare, si apre per prima la faringe interna. Gradualmente espandendo, il canale cervicale diventa a forma di imbuto. Mentre questo processo progredisce, la cervice viene completamente levigata. In futuro, vi è uno stiramento e assottigliamento dei bordi della faringe esterna, che per le persone multiparte può essere leggermente socchiusa alla fine della gravidanza.

All'inizio di questa fase, le contrazioni iniziano tra 2-4 minuti e durano per 50-60 secondi. In questo caso, la cervice viene completamente aperta per consentire alla testa del bambino di stare nel canale del parto. Nel secondo periodo, i tentativi di contrazioni spastiche dell'utero si uniscono alle contrazioni regolari. Condurre il parto per periodo aiuta gli specialisti a tenere traccia di questo momento di transizione in modo chiaro e a preparare una donna per l'espulsione attiva del feto dall'utero.

Inoltre, durante i tentativi, viene prestata particolare attenzione alle tecniche di respirazione appropriate. Durante l'eruzione della testa del feto, è necessario fare respiri frequenti e poco profondi. In questo caso, tutti gli sforzi per spingere il bambino dovrebbero essere inviati nell'area del cavallo. Come risultato di queste azioni (dopo 3-4 tentativi), appare prima la testa superiore del bambino, e quindi il suo intero corpo minuscolo. Dopo il premontaggio, il cordone ombelicale del bambino viene posizionato sul petto della madre. In media, la seconda fase dura circa 1,5 ore.

Dopo la comparsa del bambino, il fondo dell'utero si trova a livello dell'ombelico, mentre l'organo stesso è temporaneamente a riposo. A questo proposito, per stimolare la placenta e la separazione della placenta, si raccomanda di attaccare il bambino al torace. Dopo il rilascio del "posto dei bambini" (il parto), il ginecologo esamina il canale del parto della donna per le lacrime, il sanguinamento e, se necessario, i punti. A questa terza fase del lavoro non finisce. La donna rimane sotto controllo medico per due ore, dopo di che viene trasferita al reparto con il bambino..

Periodo postpartum

Le prime 6-8 settimane dopo la comparsa del bambino - questo è il momento della ristrutturazione emotiva e fisica. Con tutto questo, la donna sta vivendo una cascata di cambiamenti ormonali. Nelle prime due ore dopo la nascita, l'utero si riduce notevolmente, e il sanguinamento post-partum che sanguina dai vasi che si aprono praticamente si ferma. In questo caso, l'ulteriore processo di involuzione degli organi genitali di ciascuno dei gentili sesso procede secondo uno scenario puramente individuale.

Insieme a questo, le lamentele di disagio nel perineo, l'area pelvica sono notate in quasi tutte le donne, come devo dire, nel dolore del seno. Quest'ultimo si verifica un giorno o due dopo il parto e indica l'intensificazione del processo di formazione del latte. Inoltre, durante i primi giorni ci può essere una chiara tendenza alla stitichezza, che è causata da una diminuzione del tono dei muscoli addominali. Durante il periodo puerpera, occorre prestare molta attenzione alle regole igieniche:

  • monitorare la pulizia delle guarnizioni, cambiarle ogni 4 ore e rimuoverle dalla parte anteriore a quella posteriore,
  • risciacqua il cavallo con acqua tiepida ogni volta che ne hai bisogno,
  • pulire i genitali dovrebbero spostarsi dalla parte anteriore a quella posteriore,
  • non toccare il perineo fino a quando le lacrime non guariscono.

Preliminare (preparatorio)

I segni della nascita imminente compaiono poche settimane prima che il bambino nasca. Dopo circa 36 settimane di gravidanza, nel corpo della donna in gravidanza si notano i seguenti cambiamenti:

  • Il peso corporeo è ridotto. Negli ultimi 14 giorni, il peso di una donna incinta può diminuire fino a 1,5 kg.
  • La pancia cade. Il bambino occupa una posizione che dovrebbe essere alla nascita. L'addome scende con l'utero discendente.
  • La frequenza della minzione aumenta. Ciò è dovuto al prolasso dell'utero e all'aumentata pressione sulla vescica.
  • La frequenza dei movimenti del bambino diminuisce. Dopo aver preso una posizione prenatale, il bambino è difficile da spostare.
  • Appare periodi di allenamento. Le contrazioni dell'utero sono brevi, si fermano dopo aver cambiato la posizione del corpo.
  • Spina di muco separata.
  • Periodicamente ci sono disagi nella regione lombare e nell'addome inferiore, che passano rapidamente.

Inoltre, la donna incinta diventa più facile da respirare, passa il bruciore di stomaco. In alcuni casi, ci può essere la diarrea. Il periodo preliminare di lavoro può durare da 6 a 24 ore. Ci sono brevi crampi indolori dell'utero, il disagio passa immediatamente dopo lo spasmo. Nella fase preliminare, la cervice si ammorbidisce e inizia ad aprirsi.

Alcune ore dopo l'inizio della fase preliminare, gli spasmi possono diventare più frequenti. Tuttavia, a volte la fase preparatoria assume un carattere patologico. Il periodo di lavoro preliminare patologico ha le seguenti caratteristiche:

  • l'apparizione di brusche contrazioni uterine dolorose,
  • durata più di un giorno,
  • nessun segno di maturazione cervicale (non si ammorbidisce, non si accorcia)
  • canale cervicale completamente chiuso,
  • nessun segno di aumento dei crampi uterini.

Se in questo momento c'è una rottura del liquido amniotico, può iniziare il normale travaglio. La tattica degli ostetrici nel corso patologico del periodo preliminare del travaglio dipende dallo stato della madre e del feto. Le medicine possono essere utilizzate per normalizzare il periodo preliminare del travaglio.

Il primo (avvincente)

После прелиминарного наступает первый период родовых этапов, который характеризуется регулярными болезненными схватками. Существует 3 фазы этой стадии:

При активной фазе нарастает интенсивность схваток, увеличивается их продолжительность и сокращается временной промежуток между ними. Сокращения матки принимают более болезненный характер. Они происходят через каждые 5-6 минут и длятся от 20 до 40 секунд.

Sotto la normale gestione del lavoro in questa fase, si verifica la rottura delle membrane. Tuttavia, molte acque iniziano a fluire nella prima fase. Il periodo attivo è di due ore. La cervice si espande ad una velocità di 2 cm all'ora. Alla fine della seconda fase, un'apertura di circa 8 cm.

Durante la fase di transizione, il dolore durante le contrazioni è leggermente ridotto. Gli spasmi uterini si verificano meno frequentemente, ma continuano ad aprirsi. Il tasso di divulgazione raggiunge 1 cm all'ora. Entro la fine della fase di transizione, il capannone dovrebbe aprirsi almeno 10 cm.

Nell'ultima fase del primo periodo di parto, puoi sentire che devi spingere (come un forte desiderio di svuotare l'intestino). Tuttavia, i tentativi non sono desiderati perché possono causare la rottura perineale e il gonfiore del canale cervicale dell'utero.

Secondo (espulsione del feto)

La seconda fase del travaglio si verifica dopo l'apertura della cervice a 10-12 cm. In questo momento, la donna inizia a provare intensi tentativi. I combattimenti si verificano ogni 3-4 minuti e durano fino a 1 minuto ciascuno. La testa del bambino è completamente abbassata nel bacino e inizia a muoversi lungo il canale del parto.

In questo momento è necessario utilizzare una speciale tecnica di respirazione per accelerare e facilitare l'espulsione del feto. Gli ostetrici raccomandano che quando appare una contrazione, fai un respiro profondo, trattieni l'aria nei polmoni e spingi fuori il bambino. Dopo questa espirazione, ripeti l'inspirazione e spinga fuori. Per uno scontro, devi ripetere questi passaggi tre volte.

Durante i tentativi, tutti gli sforzi per allontanare il bambino dovrebbero essere diretti al punto in cui si sente la più grande pressione e dolore. La testa di taglio si verifica gradualmente. All'inizio lei mostra un po 'e dopo la fine del tentativo può tornare indietro. La testa del bambino di solito nasce per 3-4 tentativi.

Durante l'esilio, dovresti ascoltare le raccomandazioni dell'ostetrico, che controlla il processo. Un comportamento errato può portare a lacrime perineali, danni ai vasi sanguigni del viso e del collo e ipossia fetale.

Dopo la dentizione, il bambino gira leggermente, appaiono le spalle e altre parti del corpo. Non appena il bambino è completamente fuori, i medici pizzicano il cordone ombelicale, che sarà presto tagliato. Il bambino è posto sul petto della madre. La durata del secondo periodo di lavoro va da 15 minuti a 1,5 ore.

Terzo (sequenziale)

Molti credono che dopo la nascita del bambino l'attività lavorativa finisca. Tuttavia, per completare il travaglio, è necessario che la placenta (la placenta) lasci l'utero.

La ben nota definizione di questo periodo di lavoro è l'ultima. La placenta nasce come conseguenza delle contrazioni uterine. Compaiono 10-20 minuti dopo la nascita del bambino. Per stimolare le contrazioni, il bambino viene applicato al seno della madre.

Il terzo periodo di parto viene eseguito per diversi tentativi. Molte donne non si accorgono della nascita della placenta, poiché le contrazioni uterine diventano meno intense e non sono accompagnate da forti dolori. Se la placenta non si spegne dopo 30 minuti, i medici ricorrono a un'operazione speciale per rimuovere manualmente la placenta.

Nella fase finale del periodo post-mortem, l'ostetrica esamina la vagina della donna partoriente per escludere la possibilità che parte della placenta resti nell'utero. Se ci sono spazi vuoti, la donna è ricucita il danno.

Dopo il passo successivo, la madre viene lasciata per 2-3 ore nella sala parto. In questo momento, i medici stanno monitorando le sue condizioni.

Le seguenti misure sono adottate per eliminare il sanguinamento:

  • cucire danni al canale del parto,
  • metti il ​​ghiaccio sulla maternità della donna
  • somministrare farmaci che stimolano le contrazioni uterine,
  • fare iniezioni endovenose di agenti emostatici.

Modi per facilitare il processo di nascita

Il parto è un processo fisiologico accompagnato da un forte dolore. Ci sono vari modi per alleviare la condizione della donna in travaglio e il processo di nascita:

  • Attività motoria durante le contrazioni. Durante le contrazioni, i muscoli si contraggono, quindi se una donna si sdraia in questo momento, il rilassamento richiede più tempo, poiché le fibre muscolari subiscono una pressione aggiuntiva. Puoi camminare e cambiare posizione per i crampi fino alla fine della seconda fase di un periodo di crampi.
  • Massaggio alla schiena e alla vita Per questa donna ha bisogno di aiuto. Un marito o un altro parente stretto può massaggiare una donna partoriente in aree del corpo dove sperimenta il dolore più intenso. Il massaggio aiuta a distrarre dal dolore e rilassarsi.
  • Ginnastica respiratoria. Respirazione adeguata, la maggior parte delle donne apprende nel terzo trimestre di gravidanza. L'uso di esercizi di respirazione aiuta a rilassarsi e accelera anche l'accesso di ossigeno al feto.
  • Atteggiamento positivo Molti esperti sottolineano che le donne che si impegnano in un esito positivo, portano la nascita molto più facilmente. Alcune future madri stanno cercando di ascoltare la musica per il buon umore.

Particolare attenzione viene data all'anestesia epidurale. Nella società moderna ha una popolarità diffusa come uno dei metodi per alleviare il dolore. Tuttavia, ci sono sia aderenti che oppositori a questo metodo per facilitare il lavoro. Tra gli aspetti positivi dell'anestesia epidurale sono i seguenti:

  • dopo l'anestesia, la donna continua a sentire le contrazioni dell'utero, ma cessa di provare dolore intenso,
  • la durata dell'apertura dell'utero è ridotta,
  • il farmaco aiuta ad abbassare la pressione sanguigna, che è importante per le donne che soffrono di ipertensione.

Tuttavia, questo tipo di anestesia ha anche aspetti negativi e controindicazioni. L'anestesia non può essere eseguita con malattie del sistema ematopoietico, la colonna vertebrale, manifestazioni infiammatorie nella zona della puntura, ipotensione. I punti negativi dell'anestesia epidurale:

  • la possibilità di reazioni allergiche,
  • diminuzione dell'attività dell'utero durante l'espulsione del feto, che aumenta la durata del secondo periodo e spesso porta a rotture del perineo,
  • diminuzione dell'attività riflessa del neonato nelle prime ore dopo la nascita.

Il periodo postpartum

Il periodo postparto inizia al momento della nascita della placenta e dura circa 5-8 settimane. In questo momento, l'utero ritorna allo stato prenatale e le condizioni della madre ritorna normale. Nelle prime ore del periodo post-parto, può verificarsi sanguinamento uterino, quindi la donna deve sdraiarsi.

Alcune ore dopo la nascita del bambino, la madre può alzarsi in piedi. Si raccomanda di svuotare immediatamente la vescica, nonostante il fatto che la voglia di urinare una donna non si verifichi nel corso del giorno successivo.

Durante le prime settimane dopo il parto, la donna sperimenta periodicamente dolore all'addome e alla regione lombare, assomigliando alle contrazioni. Ciò è dovuto al fatto che l'utero viene gradualmente ridotto, tornando alla sua posizione originale. I principali fenomeni postpartum includono:

  • sanguinamento dalla vagina per 5 settimane (la più intensa - nei primi 7 giorni),
  • gonfiore del seno e aspetto del latte 2-3 giorni dopo il parto (il momento ottimale per l'inizio della lattazione in primipare).

Guarda il video: Lex, Sergio Puglia - RISCATTO DEL PERIODO DI CORSO DI LAUREA (Ottobre 2019).

Loading...