Ginecologia

Ureaplasma parvum: caratteristiche, test, sintomi in donne e uomini, che pericolosi, se trattare

Pin
Send
Share
Send
Send


La causa dell'infezione del sistema urogenitale sono spesso micoplasmi e ureaplasmi. Ce ne sono diversi tipi, ma i più comuni sono ureaplasmas (Ureaplasma), Mycoplasma hominis e Mycoplasma genitalium. Molto spesso in strisci prelevati dal tratto urogenitale, Parva e Ureaplasma Urealitico si trovano in Ureaplasma. Il significato clinico di queste due specie è ancora in fase di studio attivo.

IMPORTANTE DA SAPERE! La donna di Fortune teller Nina: "Il denaro sarà sempre in abbondanza, se lo mettiamo sotto il cuscino." Per saperne di più >>

1. U. parvum

Ureaplasma parvum (Ureaplasma parvum) appartiene ai Mollicutes della famiglia, differiscono dall'ureaplasma per le loro proprietà antigeniche e biochimiche. Più recentemente, sono stati attribuiti alla stessa specie e ai diversi biovar, ora sono considerati differenti specie. Questi sono i più piccoli procarioti viventi.

Fino al 1960, l'ureaplasma era attribuita ai virus (dovuti al passaggio attraverso i filtri con il diametro più piccolo), quindi ai batteri che non avevano una parete cellulare.

Questo è il microrganismo intracellulare più semplice, con differenze da batteri e virus tipici:

  1. 1 Nessuna parete cellulare.
  2. 2 Non rilevato con metodi clinici e biologici standard (non macchiati con Gram).
  3. 3 Coltivato solo su supporti nutrienti speciali.
  4. 4 Non sensibile agli antibiotici che agiscono sulla sintesi proteica della parete cellulare.

Finora, gli esperti stanno discutendo la patogenicità di Ureaplasma parvum tra gli specialisti.

Oggi sono classificati come patogeni opportunisti, poiché i microrganismi si trovano nel 20% di adulti e bambini assolutamente sani sulle mucose del sistema genito-urinario.

Tuttavia, sotto l'influenza di fattori avversi (infezioni concomitanti del tratto genitale, immunità indebolita, malattie infiammatorie croniche, stress, fluttuazioni ormonali), Parvum è in grado di riprodurre attivamente e causare la patologia del tratto urogenitale. In presenza di esso nello scarico delle mucose in grandi quantità, può verificarsi un'infiammazione acuta o cronica degli organi urinari.

In molti casi, è Ureaplasma parvum che è responsabile per l'infiltrazione leucocitaria pronunciata nel fuoco infiammatorio e porta allo sviluppo di uretrite, colpitis, cervicite, pielonefrite. Nelle donne incinte, provoca alterazioni patologiche nella placenta seguite dalla nascita di bambini di peso ridotto (meno di 3 kg).

L'ureaplasma parvum esiste a spese della cellula ospite. La scissione attiva dell'urea all'ammoniaca mantiene costante l'infiammazione nella focalizzazione interessata. Inoltre, vi è evidenza della distruzione dell'immunoglobulina A, responsabile della protezione immunologica della mucosa contro le infezioni, da parte di ureplazma.

Il suo ruolo come causa di infiammazione in altri organi non è del tutto chiaro. A volte si trova abbastanza a caso nel tratto respiratorio inferiore, è anche rilevato nelle malattie infiammatorie delle membrane oculari, nel liquido articolare che viene rimosso dal nasofaringe dei neonati.

Ci sono prove dello sviluppo nella polmonite da ureaplasmosis infantile, bronchite, meningite, batteriemia. Un grande ruolo nel loro verificarsi è giocato da una significativa diminuzione dell'immunità nei bambini. È stata trovata una stretta relazione tra l'insorgenza di artrite ureaplasma in pazienti con ipogammoglobulinemia.

La penetrazione di ureaplasma nel sangue è stata osservata dopo trapianto di rene, lesioni degli organi urogenitali e varie manipolazioni su di essi. L'infezione può causare osteomielite (secondo gli esperti americani) e portare alla formazione di calcoli renali a causa della comprovata attività dell'ureasi.

2. Modi di trasmissione

Il principale meccanismo di trasmissione è sessuale. L'ureaplasma sui genitali è molto più comune nelle donne che negli uomini.

Per lo sviluppo del processo infettivo, non è tanto l'ureaplasma che è molto importante, quanto il livello di semina della membrana mucosa (più è alto, maggiore è il rischio di un processo infiammatorio).

Il trasporto asintomatico è molto diffuso quando i batteri vengono rilevati per sbaglio e fluidi biologici per caso durante l'esame di un'altra malattia (pielonefrite, vaginosi batterica, tricomoniasi, uretrite gonococcica, esame di routine).

Il trasporto è pericoloso perché se ci sono fattori predisponenti (gravidanza, fluttuazioni degli ormoni, diminuzione dell'immunità, malattie associate), si può sviluppare un'infezione da ureaplasma.

Al secondo posto è il percorso verticale di trasmissione di Ureaplasma parvum, cioè da madre a figlio durante il parto. Non è esclusa l'infezione fetale del feto, che porta a cambiamenti distrofici nella placenta, ritardo dello sviluppo (IUGR), nascita di bambini con basso peso corporeo (meno di 3 kg), interruzioni di gravidanza, aborti e altre patologie ostetriche.

C'è una trasmissione di infezione nel trapianto di organi donatori. La via di infezione domestica meno probabile.

3. Sintomi

L'ureaplasma parvum è caratterizzato da prolungata persistenza nell'epitelio delle membrane mucose del tratto urogenitale di uomini e donne, pertanto il quadro clinico dell'infezione è caratterizzato da sintomi di infiammazione delle vie urinarie.

Nelle donne, l'infezione si manifesta con i seguenti sintomi: prurito o bruciore nella vagina, labbra delle labbra genitali, secrezioni mucose luminose, tratto genitale irritante, dolore ricorrente nell'addome inferiore, a volte si può verificare disuria (bruciore e crampi durante la minzione, frequenti falsi e veri impulsi) sensazione di trabocco della vescica.

In quasi il 47% dei casi, l'ureaplasma causa endocervicite (infiammazione della cervice uterina), che durante la colposcopia si manifesta con abbondante secrezione, edema della membrana mucosa, iperemia del canale cervicale.

Tutti questi sintomi non sono specifici e possono verificarsi in altre infezioni, quindi è necessario differenziare l'ureaplasmosis con altre infezioni sessualmente trasmissibili.

È importante! Quando l'infezione da ureaplasma si trova spesso varie anomalie nella cervice (leucoplachia, polipo endopervix e altri).

Gli esperti hanno suggerito che l'aspetto dei cambiamenti patologici descritti nella cervice sia dovuto alla cronologia del processo e alla proliferazione attiva dell'epitelio mucoso.

Per l'ureasplasmosis cronica è caratterizzata dalla comparsa di dolore pelvico permanente, disturbi mestruali, aderenze nelle tube di Falloppio e, di conseguenza, infertilità e aborti spontanei. Ma il coinvolgimento del parvum ureaplasma in tali stati non è stato ancora dimostrato. Casi segnalati di complicazioni postpartum nelle donne con infezione confermata da PCR.

Negli uomini, l'uretrite è considerata una forma comune di infezione, che si manifesta come segue:

  1. 1 Piccola scarica mucosa dall'uretra.
  2. 2 Dolore, disagio, crampi e bruciore durante la minzione.
  3. 3 minzione frequente per urinare.
  4. 4 Dolore addominale, perineo, che si irradia ai testicoli, retto.
  5. 5 Morbilità durante il rapporto sessuale.

Inoltre, gli uomini con ureasplasmosis sono caratterizzati dalla comparsa di cambiamenti infiammatori nei testicoli (orchite), le loro appendici (epididimite) e prostata (prostatite). Cistite o pielonefrite è rara.

Molto spesso l'infezione non si manifesta affatto, non influisce sugli indici dello sperma e non porta a complicazioni o conseguenze per il sistema riproduttivo. I sintomi dell'urea plasmosi dipendono direttamente dallo stato del sistema immunitario e dalla presenza di fattori provocatori.

Ureaplasma parvum

Questo rappresentante della famiglia dei micoplasmi, insieme all'ureaplasma urealitico, era chiamato "ureaplasma spp". Entrambi questi microbi possono causare malattie simili e provocare sintomi simili. Il parvum dell'ureaplasma viene diagnosticato principalmente negli uomini e l'ureaplasma urealitico nelle donne. L'ureaplasma parvum è più patogeno e porta allo sviluppo di grave infezione urogenitale. La malattia si manifesta a lungo con periodi di esacerbazione e remissione.

L'ureaplasma parvum è un parassita intracellulare ed è localizzato prevalentemente sulla membrana mucosa degli organi del sistema urogenitale. Organelli intracellulari sono necessari per l'attività vitale microbica. Gli enzimi sintetizzati da ureaplasma parvum distruggono gli anticorpi. Con una forte risposta immunitaria, l'infiammazione dell'area urogenitale non si sviluppa. Ma se gli anticorpi contro l'Ureaplasma parvum sono assenti, il microbo invade la cellula, inizia a moltiplicarsi attivamente ed esercita il suo effetto patogeno.

epidemiologia

Metodi di diffusione dell'infezione da ureaplasma:

  • L'infezione da ureaplasmosis si manifesta durante i rapporti sessuali con una persona malata o un portatore di batteri. Le persone che hanno promiscuo sesso e contraccezione da barriera per negligenza sono a rischio di sviluppare ureaplasmosis. Oltre ai rapporti sessuali tradizionali, l'infezione può verificarsi durante il bacio, la cura orale e anale.
  • Meno comune, ma rilevante è il modo verticale di infezione del feto e del bambino durante la gravidanza e il parto.
  • Il modo di contatto familiare che l'infezione si diffonde nei luoghi pubblici - trasporto, piscina, servizi igienici.
  • L'infezione può anche verificarsi durante il trapianto di organi donatori.

Ureaplasma parvum è caratterizzato da alta contagiosità. Di solito, gli uomini vengono infettati da donne infette. Nei loro corpi, i microbi tranquillamente si parassitano senza causare lo sviluppo di un'infiammazione acuta. Il vettore del batterio è pericoloso per i suoi partner sessuali. Spesso negli uomini, la malattia viene scoperta abbastanza per caso durante gli esami medici.

sintomatologia

L'ureaplasma parvum è la causa di una malattia infiammatoria acuta o cronica, i cui sintomi clinici sono dovuti alla posizione del microbo.

Segni patologici che si verificano nelle donne malate:

  1. Secrezioni vaginali mucopurulenti abbondanti con striature di sangue,
  2. Sanguinamento uterino non intensivo intermittente,
  3. disuria,
  4. Prurito e bruciore nel perineo,
  5. poliuria,
  6. Dolore e disagio nell'addome inferiore,
  7. Sensazioni dolorose durante il rapporto sessuale,
  8. Febbre e segni di intossicazione,
  9. Iperemia ed edema della mucosa dell'uretra e della vagina.

La malattia causata da ureaplasma parvum ha un decorso lungo e spesso asintomatico. Se non si inizia il trattamento in modo tempestivo, si possono sviluppare gravi conseguenze. Per non perdere la patologia, si raccomanda alle donne di sottoporsi periodicamente ad un esame da un ginecologo e di eseguire test appropriati. Durante la gravidanza, si verifica la soppressione fisiologica dell'immunità. Questa è una normale reazione del corpo, necessaria per lo sviluppo del feto, che contiene antigeni geneticamente estranei del padre. Ecco perché gli ureaplasmi nel corpo delle donne incinte si moltiplicano rapidamente e mostrano le loro proprietà patogene. L'ureaplasma parvum ha un effetto negativo sul feto, causando lo sviluppo di distrofia e infettando le membrane. I neonati hanno spesso meningite e polmonite. Ureaplasmosis può portare a aborti, difetti dello sviluppo, nascita prematura. Tutte le donne in gravidanza devono sottoporsi a una serie di test diagnostici per rilevare ureaplasma di parvum.

L'Ureaplasmosis in assenza di un trattamento adeguato può causare lo sviluppo di gravi complicanze nelle donne: infiammazione delle ovaie e dell'utero, incapacità di concepire. Nei maschi, l'ureaplasma è fissato sugli spermatozoi e li distrugge. La motilità delle cellule germinali maschili viene gradualmente ridotta, la resistenza complessiva dell'organismo viene soppressa. Questo peggiora la qualità dello sperma, aumenta la sua viscosità, diminuisce il numero di spermatozoi nel liquido seminale.

diagnostica

Un numero di metodi diagnostici è usato per rilevare ureaplasma di parvum:

  • sierodiagnosi - saggio immunoenzimatico. Il paziente per ricerca su uno stomaco vuoto prende il sangue da una vena periferica. Nel sangue, anticorpi di varie classi sono determinati contro l'Ureaplasma parvum: IgG, IgA, IgM. Un risultato negativo indica che non vi è infezione nel corpo e uno positivo indica che il paziente è infetto da ureaplasma.

  • Reazione a catena della polimerasi. La PCR consente di rilevare nel materiale clinico anche una sola cellula batterica. Questo è un metodo qualitativo per identificare frammenti caratteristici di RNA e DNA inerenti l'Ureaplasma di Parvum. Un risultato positivo - rilevato DNA di ureaplasma parvum (polukol.). Il risultato negativo è l'assenza di DNA U. parvum nel campione in esame. Se il DNA dell'ureaplasma viene rilevato nell'analisi, significa che c'è un'infezione genitale con l'ureasplasmosi.
  • Studio batteriologico di materiale clinico. La semina della coltura è uno dei modi più efficaci per diagnosticare. Innanzitutto, viene raccolto il biomateriale. Di solito esaminare lo scarico della vagina, uretra, sangue, urina. Il materiale viene seminato su speciali terreni nutrienti, incubati nel termostato per diversi giorni e l'analisi delle colonie coltivate viene effettuata. Contare le colonie di ogni tipo. Per isolare una coltura pura, sono subcultured su un supporto di memorizzazione. Dopo aver studiato le proprietà tintoriali, culturali, biochimiche e antigeniche del microrganismo isolato, viene determinata la sua sensibilità agli antibiotici. Il numero di microbi significativi dal punto di vista diagnostico è superiore a 10-4 gradi di CFU / ml.Se l'ureaplasma parvum si trova in alta concentrazione, il trattamento deve essere iniziato immediatamente.

Se l'infezione non si manifesta clinicamente e gli esami di laboratorio non mostrano il titolo diagnostico significativo dell'agente patogeno, la terapia antibiotica non viene eseguita, ma rafforza il sistema immunitario. Il materiale per la ricerca dal canale cervicale o dall'uretra deve essere raccolto al mattino a stomaco vuoto con un pennello speciale.

Le donne sono soggette ad ispezione ai fini dell'identificazione di un pavrum ureaplasma:

  1. Soffrendo di malattie infiammatorie croniche del sistema genito-urinario,
  2. Chi non può rimanere incinta durante l'anno di regolare vita intima senza protezione,
  3. Che non sopportano la gravidanza,
  4. Chi ha avuto una storia di nascita pretermine fino a 34 settimane.

Molti si chiedono se l'ureaplasma parvum debba essere trattato? Quando la concentrazione di microbi nel materiale di prova supera i 10-4 gradi di CFU / ml ei segni clinici compaiono, è necessario iniziare la terapia.

Il trattamento dell'ureaplasmosica causata dall'ureaplasma parvum comporta l'uso di agenti etiotropici - antibiotici, nonché immunostimolanti, FANS, vitamine, adattogeni.

  • Ai pazienti vengono prescritti macrolidi, tetracicline e fluorochinoloni - Sumamed, Azithromycin, Clarithromycin, Ofloxacin, Josamycin o Doxycycline, nonché un farmaco antiprotozoico, Trihopol. Terapia antibiotica sistemica complementare locale.
  • Per rafforzare le difese del corpo, è indicata la somministrazione di immunomodulatori - "Timalin", "Takvitina", "Lisozima".
  • Vitamina per rafforzare e ripristinare il corpo dopo una grave malattia - vitamine B e C.
  • Eubiotica per il restauro della microflora vaginale - candele "Azilakt", "Salvagin-gel", "Ginoflor", capsule "Linex", "Atsipol", "Bifiform".
  • Epatoprotettori per fornire un trattamento completo - "Phosphogliv", "Rezalyut", "Essliver Forte".
  • Farmaci con effetti anti-infiammatori sono prescritti a tutti i pazienti con ureasplasmosis - "Ibuprofen", "Ortofen", "Diclofenac".
  • Il regime di trattamento dell'ureaplasmosi comprende vari tipi di fisioterapia.

Il trattamento completo della patologia con l'uso di tutti i gruppi di farmaci raccomandati allevierà i sintomi e fornirà un rapido recupero. Con la ri-esacerbazione della patologia, ai pazienti vengono prescritti altri antibiotici. Gli uragasmo si adattano rapidamente agli agenti antimicrobici. Il regime di trattamento deve essere corretto ogni volta durante un'esacerbazione, introducendo in esso una medicina più forte ogni volta. Solo osservando tutte le raccomandazioni fatte, è possibile curare completamente l'ureaplasmosis.

Le malattie a trasmissione sessuale sono difficili da trattare. È meglio che non siano infetti. La prevenzione dell'ureaplasmosi è conforme alle regole dell'igiene personale, all'uso del preservativo, alla detersione dopo il rapporto con gli agenti antisettici e all'attività sessuale solo con un partner regolare.

Cos'è Ureaplasma parvum

La batteriologia identifica 7 specie di batteri micoplasmatici, tra cui 2 specie clinicamente significative: Biovar Parvo e biovar T-960. Per la prima volta questo batterio è stato scoperto nel 1954, da allora sono iniziati studi sul parvum e sui suoi effetti sulle membrane mucose del sistema urogenitale. La microbiologia clinica ha rivelato una serie di caratteristiche distintive dei batteri dell'ureaplasma, che rendono possibile classificare questa specie come patogenica. Le proprietà dei tenericuts (batteri estremamente piccoli) sono caratterizzate come segue:

  • forma parassitaria,
  • l'assenza di batteri nella membrana cellulare,
  • struttura procariota (pre-nucleare),
  • percorsi alle cellule del tratto urinario,
  • attività dell'ureasi (la capacità dei batteri di scomporre l'urea nell'ammoniaca),
  • effetto denaturale sulle proteine.

Come viene trasmesso l'ureaplasma parvum

L'infezione con ureasplasmosis avviene attraverso il contatto con il vettore dell'agente patogeno. Sotto l'immunità normale, il batterio parvum può esistere per lungo tempo nella microflora transitoria di una persona infetta e non si manifesta. L'indebolimento delle funzioni protettive del corpo attiva il processo patogeno e contribuisce alla diffusione dei batteri parvum.

Основные способы инфицирования уреаплазмой в порядке убывания риска изложены ниже:

  • Rapporti sessuali non protetti - contatto genitale in qualsiasi modo, è possibile trasferire i batteri con la saliva durante un bacio, se la mucosa orale è danneggiata.
  • Una madre infetta intrauterina infetta un feto durante la gravidanza. Dopo la nascita, il bambino può auto-recuperare.
  • Contaminazione del contatto: il batterio può essere trasmesso durante l'uso degli articoli per l'igiene personale di una persona infetta. Il metodo è improbabile, ma non escluso.
  • Durante il trapianto di organi - teoricamente questa possibilità non è esclusa, ma in pratica è estremamente rara.

Il tempo del periodo latente del parvum ureaplasma varia da 2 a 5 settimane. Durante questo periodo, il batterio ha il tempo di depositarsi nel corpo e penetrare in cellule sane. Se non ci sono fattori provocatori, la patogenicità dei microrganismi Parvum non si manifesterà prima dell'inizio delle condizioni favorevoli. I sintomi di ureaplasmosis differiscono poco da malattie simili della sfera sessuale, quindi, per determinare l'agente causale esatto di infezione dovrebbe consultare un medico.

I segni della presenza dell'agente causale parvum, che richiedono un esame urgente, in uomini e donne sono diversi. Negli uomini, la malattia può essere asintomatica, il che non è un motivo per ignorarlo. Le donne infettate con ureaplasma notano uno o più dei sintomi elencati contemporaneamente:

  • dolore nell'addome inferiore, che può essere tagliato o tirato,
  • l'apparizione di perdite vaginali trasparenti, un cambiamento nel loro colore in giallo o verde indica l'inizio del processo infiammatorio di fondo,
  • dolore durante la penetrazione del partner del pene durante il contatto,
  • disagio durante la minzione, manifestato come bruciore,
  • sintomi simili all'angina se l'infezione è orale.

Il riscontro durante l'esame medico dell'ureaplasma parvum negli uomini si verifica a causa del trattamento di pazienti con disturbi infiammatori di diversa natura. La diffusione dei batteri patogeni di ureaplasma nel corpo maschile si verifica spesso nascosta e non provoca sensazioni spiacevoli. Un tale meccanismo è irto di manifestazioni di complicazioni già nella fase di transizione della malattia alla forma cronica e al verificarsi di malattie degli organi del sistema urogenitale sullo sfondo.

I sintomi, ignorati dai rappresentanti del sesso più forte a causa della sua insignificanza, includono tali manifestazioni:

  • la minzione è accompagnata da una sensazione di bruciore nel canale uretrale,
  • comparsa di scarse secrezioni mucose,
  • prurito dolore addominale.

Qual è la differenza tra ureaplasma parvum e urealiticum?

Un paziente che si rivolge a un centro di trattamento con una diagnosi di ureaplasmosi può facoltativamente superare i test per identificare il tipo di ureaplasma batterico. Non ci sono differenze fondamentali nell'approccio al trattamento della sottospecie. I farmaci prescritti dovrebbero avere un effetto terapeutico simile sui batteri di entrambe le specie. La scienza separa questi concetti, basati su studi genetici del biomateriale a livello molecolare.

I risultati esistenti degli esperimenti clinici descrivono alcune differenze tra i batteri urealiticum e parvum, ad esempio:

Ha un maggiore impatto sullo sviluppo della gravidanza e la capacità di concepire

Manifestazioni più rare nelle donne

Essere nel corpo è meno probabile che sia accompagnato da una transizione verso una forma patogena.

Più forte danno patogeno per la salute degli uomini.

La percentuale di pazienti infetti tra coloro che hanno partecipato alla ricerca - 80%

La percentuale di pazienti infetti tra coloro che hanno partecipato alla ricerca - 20%

L'infezione con l'agente causale dell'ureaplasmosi si verifica in presenza di uno o più fattori che determinano il rischio, tra questi si può notare:

  • abbandono della protezione durante il rapporto sessuale,
  • la prima età del debutto sessuale
  • frequente cambio di partner
  • uso di altri articoli per l'igiene personale
  • mancanza di cure igieniche costanti per i genitali e la cavità orale,
  • visitare luoghi pubblici senza fornire protezione antibatterica.

L'ulteriore sviluppo dei batteri parvum dipende dallo stato della microflora del corpo e dalle caratteristiche individuali del sistema immunitario. La vitalità dei microbi patogeni dipende anche dall'equilibrio della nutrizione, dalla presenza di abitudini dannose, dall'assunzione di corticosteroidi o di farmaci contenenti antibiotici. Alcune infezioni virali trasferite durante l'infanzia possono provocare una diminuzione della capacità protettiva del sistema immunitario in particolare per questo tipo di batteri.

Norma nelle donne

La decodifica dei risultati degli studi diagnostici dovrebbe essere affidata a uno specialista. La norma standard della quantità di DNA di ureaplasma in un biomateriale esaminato utilizzando la diagnostica PCR è di 104 CFU (unità formanti colonia) per 1 ml. Bakposev, che ha mostrato risultati simili, indica anche che non vi è alcun pericolo patogeno di batteri ureaplasma per il corpo.

È necessario trattare

L'uso della terapia farmacologica quando gli ureaplasmi vengono rilevati nei risultati delle analisi dei batteri non è sempre giustificato. La mancanza di processi infiammatori di fondo e infezioni del sistema genito-urinario indica lo stato normale della mucosa degli organi interni. Tuttavia, i dubbi sulla necessità di un trattamento devono essere scartati quando compaiono i sintomi degli effetti dannosi dei batteri ureaplasma.

Ritardare la decisione di andare da un medico può portare a conseguenze negative e infertilità. Entrambi i partner dovranno visitare la sala diagnostica e iniziare il trattamento, anche se uno di loro non osserva i sintomi della malattia. Pianificare una gravidanza dovrebbe essere dopo aver attraversato il corso del trattamento, in quanto il trattamento nelle fasi iniziali può influire negativamente sulla salute del feto e della donna che lo trasporta.

Dopo aver condotto una diagnosi completa, lo specialista specializzato prescrive la terapia secondo uno schema specifico. Il trattamento dell'ureaplasma parvum comporta una serie di misure volte a ridurre il numero di cellule micoplasmatiche patogene e a sopprimere la capacità dei batteri di moltiplicarsi. La terapia antibiotica può essere prescritta da un medico in base ai risultati dei test di suscettibilità di una particolare varietà di microrganismi a un gruppo specifico di agenti antibatterici.

Un trattamento efficace per l'ureaplasma prevede l'uso della terapia locale attraverso l'introduzione di supposte vaginali. Una terapia aggiuntiva con l'ausilio di un bendaggio con una composizione antibiotica aiuta ad alleviare le condizioni del paziente eliminando rapidamente i sintomi dell'ureaplasmosi. Il rischio di interrompere la microflora intestinale naturale richiede l'uso di probiotici.

farmaci

Il medico prescrive un trattamento basato sull'etimologia della malattia e sui processi infiammatori associati all'ureaplasmo. Il processo di cura con l'uso di farmaci richiede 2 settimane, se la malattia non ha avuto il tempo di trasformarsi in una forma cronica. Un caso difficile richiede una combinazione di antibiotici. I farmaci che possono essere utilizzati nella lotta contro il batterio Ureaplasma sono:

  • azitromicina,
  • Azitral,
  • Zitrolid,
  • Sumamed,
  • doxiciclina,
  • Medomitsin,
  • Unidox Solutab.

prevenzione

Curare l'ureaplasmosis è più difficile che prevenire. Il complesso di misure preventive volte a prevenire l'infezione da parte del batterio ureaplasma parvum, consiste nella razionalizzazione della vita sessuale, nella scelta controllata dei partner, passando un esame periodico presso il ginecologo. Per rafforzare il sistema immunitario aiuterà la raccolta di erbe a base di radice di eleuterococco, cardo e liquirizia.

Caratteristiche dei batteri

L'ureaplasma parvum fa parte della flora condizionatamente patogena delle mucose degli organi genitali di donne e uomini, il batterio può essere presente liberamente nel corpo di una persona sana, senza danneggiarlo nel normale stato di immunità.

Con una diminuzione della risposta immunitaria, generale o locale, il numero del patogeno inizia a crescere in modo esponenziale, il che porta naturalmente alla manifestazione della sua natura patogena.

I batteri del genere Ureaplasma sono in grado di scindere l'urea e l'ammoniaca è un prodotto di questo processo. Il suo eccesso porta alla sconfitta delle cellule della mucosa e alla formazione sulla sua superficie di aree di erosione o ulcere.

I processi infiammatori che si verificano come conseguenza di questo più spesso colpiscono la vagina, le tube di Falloppio, la cervice nelle donne, i dotti seminali e l'epididimo negli uomini. L'uretra è interessata in entrambi i sessi.

Uno dei pericoli dell'infezione da batteri Ureaplasma Parvum è l'offuscamento dei sintomi e la sua somiglianza con le manifestazioni di altre malattie infettive del sistema urogenitale.

Se i rappresentanti di altre malattie sessualmente trasmissibili sono presenti nella microflora degli organi genitali, una diminuzione dell'immunità locale, indotta dalla clamidia, può innescare l'attivazione e le loro proprietà patogene.

Modi di infezione

Il patogeno è distribuito nei seguenti modi:

  1. Modo sessuale In questo caso, Ureaplasma Parvum entra in un corpo sano durante il sesso non protetto da un partner infetto. L'infezione si verifica anche se quest'ultimo è esclusivamente un vettore, cioè la sua immunità sopprime con successo l'attività patogena del batterio. Questo è particolarmente comune tra le persone sessualmente promosse. L'infezione può verificarsi con qualsiasi tipo di sesso: tradizionale, orale o anale.
  2. Percorso verticale Così, il trasferimento della flora patogena condizionatamente da madre a figlio nel periodo prenatale o direttamente durante il parto, durante il passaggio del neonato attraverso il canale del parto.
  3. Contatto e famiglia Tali casi sono possibili quando si visitano istituzioni pubbliche come bagni, saune, piscine, bagni pubblici. La probabilità di infezione dipende dal grado di igiene personale.
  4. Trapianto di organi Questa è la modalità di trasmissione meno comune, ma si verifica. Tali casi sono possibili quando si utilizza materiale biologico non controllato per il trapianto.

Gli infectiologi hanno il termine "contagiosità". Significa la capacità di un'infezione di essere trasmessa da un organismo infetto a uno sano. Ureaplasmosis e Ureaplasma parvum, in particolare, hanno un'alta contagiosità.

La probabilità di trasmissione di uno di questi metodi è quasi del 100%. Gli uomini più spesso sono portatori, poiché il batterio nei loro organismi non porta all'infiammazione attiva, la malattia è asintomatica.

Secondo le statistiche, la definizione di ureaplasmosis negli uomini si verifica nella maggior parte dei casi per caso, con un esame regolare o il sospetto di un'altra infezione.

Cos'è un Ureaplasma di Parvum

Per conoscere in dettaglio i sintomi, il trattamento e le conseguenze di questa malattia, è necessario inizialmente scoprire che cos'è il parvum ureaplasma. Di cosa si tratta, e quali sono le cause di questa malattia, saranno descritte di seguito.

L'ureaplasma è di due tipi: Ureaplasma Parvum e Ureaplasma Urealytikum.

Parvum Ureaplasma è un batterio condizionatamente patogeno che fa parte della famiglia dei micoplasmi. Si chiama condizionatamente patogeno, dal momento che può essere localizzato nel corpo di una persona assolutamente sana e senza causare alcun processo infiammatorio. L'ambiente di habitat favorevole di questo batterio è la mucosa degli organi urinari dell'uomo. Sembra molto piccolo, leggermente più grande dei virus, un batterio con l'attività dell'ureasi, cioè la capacità di distruggere l'urea per formare ammoniaca.

L'urreaplasma è anche un parassita intracellulare, cioè non ha una sua membrana trasparente, motivo per cui riesce a unire le membrane delle mucose delle cellule e distruggerle.

Sintomi di ureaplasmosis

L'ureaplasma parvum nelle donne è un processo infiammatorio caratterizzato dal suo andamento piuttosto lungo. Una caratteristica di questa malattia è che nella maggior parte dei casi è asintomatica, il che contribuisce al suo sviluppo a lungo termine. Senza l'intervento medico per questa malattia, possono insorgere conseguenze che richiedono un trattamento più serio e prolungato. Molto spesso, il batterio Ureaplasma può essere presente nel corpo umano per lungo tempo e, solo durante un periodo di indebolimento del sistema immunitario, l'ureaplasmosis nelle donne e negli uomini può aggravarsi e manifestarsi più chiaramente.

Pertanto, se si avverte fastidio nel basso ventre e nei genitali, consultare immediatamente un medico, poiché potrebbe trattarsi di un parvum Ureaplasma. I sintomi nelle donne possono manifestarsi come scariche non caratteristiche della vagina e dell'uretra, minzione dolorosa, sanguinamento dopo il rapporto sessuale, dolore durante il rapporto sessuale, dolore nell'addome inferiore, mal di testa, lieve febbre (ma non in tutti i casi).

Negli uomini, i sintomi caratteristici di questa malattia includono: dolori acuti durante la minzione, bruciore e prurito nell'uretra, scarico mucoso dal pene, urina torbida.

Cause dell'ureaplasma nelle donne e negli uomini

L'ureaplasma nelle donne, le cui cause e sintomi possono essere molto diverse, è una malattia molto comune. In caso di trattamento ritardato, può essere aggravato e trasmesso durante la gravidanza da madre a figlio.

Quindi, consideriamo le cause principali di una malattia come l'ureaplasma urealytikum parvum nelle donne e negli uomini. Tra le principali cause di questa malattia, la più importante è l'infezione a trasmissione sessuale. Va notato che nel 20-30% dei casi di infezione con il batterio ureaplasma parvum, le persone infette non mostrano alcun sintomo di questa malattia, dal momento che sono solo portatori dell'infezione. Principalmente suscettibili all'infezione con questo batterio sono donne e uomini che sono sessualmente attivi con frequenti cambi di partner. Infatti, secondo le statistiche, il 50% delle donne e degli uomini affetti da ureasplasmosis è stato infettato durante un rapporto sessuale non protetto. Inoltre, la causa dell'infezione può essere il rapporto orale e anale, così come i baci.

Il secondo metodo di infezione da questa malattia è la gravidanza o il parto. Infatti, come è noto, l'ambiente parvum è una membrana mucosa degli organi urogenitali. La donna ha questa vagina e l'utero. È in procinto di parto che un bambino, passando attraverso il canale del parto, può essere infettato dalla madre malata. Alta probabilità di infezione quando una donna incinta ha un sistema immunitario indebolito e processi infiammatori non completamente curati.

Esiste anche l'opinione che sia possibile che una famiglia venga contattata con ureaplasma parvum nei batteri, cioè nel trasporto, in una piscina, in altri luoghi pubblici o usando un coperchio del water comune.

Conseguenze dell'ureaplasmosi

Come ogni altra malattia sessuale, Ureaplasma parvum nelle donne richiede prevenzione, diagnosi tempestiva e trattamento di qualità. In caso di abbandono delle cure mediche, questa malattia lascerà molte spiacevoli conseguenze e complicazioni, o diventerà cronica e si manifesterà costantemente, causando un significativo disagio.

Conseguenze dell'ureaplasmosi negli uomini

Come sapete, gli uomini, rispetto alle donne, sono molto meno dell'ureaplasmosi. Ma allo stesso tempo, i primi sintomi di questa malattia nei rappresentanti del sesso più forte sono molto meno pronunciati e non così evidenti. Pertanto, identificare questa malattia nelle prime fasi è molto più difficile. Lo sviluppo a lungo termine dell'ureaplasmosi e il suo mancato trattamento possono causare effetti quali:

- uretrite (infiammazione dell'uretra, che porta a minzione dolorosa, secrezione purulenta),

Trattamento di Ureaplasma di Parvum

Come già accennato, l'ureaplasma parvum nelle donne è una malattia abbastanza comune che richiede un trattamento urgente, poiché le conseguenze possono essere le peggiori. Soprattutto vale la pena prestare attenzione a questa infezione alle donne che stanno pianificando una gravidanza.

Quindi, come curare l'ureaplasma parvum? Lo schema di questo trattamento si basa sull'influenza dell'agente causale della malattia, oltre a rimuovere i motivi per cui questo microrganismo potrebbe svilupparsi senza impedimenti. Ciò riguarda principalmente il rafforzamento e la normalizzazione del sistema immunitario, nonché l'eliminazione delle cause che influenzano negativamente il sistema immunitario.

Se nelle donne si riscontra l'ureaplasma parvum, il trattamento consiste nella terapia antibiotica, cioè nell'uso di antibiotici. Di norma vengono assegnati agenti antibatterici della classe dei macrolidi e dei fluorochinoloni, la cui azione è volta a debellare l'infezione. Inoltre, insieme con antibiotici, viene anche prescritto un complesso di farmaci immunostimolanti, agenti battericidi locali e fisioterapia.

Quando l'ureaplasma parvum viene diagnosticato nelle donne, il trattamento deve essere somministrato a entrambi i partner contemporaneamente dopo un esame completo. Durante il trattamento, qualsiasi contatto sessuale è proibito, anche con l'uso di dispositivi di protezione.

L'intero corso del trattamento di questa malattia dovrebbe avvenire sotto la stretta supervisione di uno specialista. In nessun caso non automedicare. После прохождения полного комплекса лечения инфекции необходимо снова пройти контрольное обследование и убедиться, что заболевание прошло. Если же возбудитель инфекции не устранен или устранен не полностью, стоит повторить лечение.

Женщинам, планирующим беременность, необходимо заблаговременно полностью избавиться от этой инфекции, так как она негативно повлияет на будущего ребенка.

Как уберечься от уреаплазмоза парвум

Per proteggersi da questo disturbo sgradevole e molto pericoloso, è necessario prima sapere come viene trasmesso il parvum da Ureaplasma. È noto che la causa principale dell'ureasplasmosi nelle donne e negli uomini è il contatto sessuale con il portatore dell'infezione. L'infezione si verifica principalmente con frequenti cambiamenti di partner sessuali, quindi per proteggersi da questa malattia, è necessario avere un partner sessuale regolare, le cui condizioni di salute sono fuori dubbio. Dopotutto, le relazioni sessuali casuali - questa è la causa principale dell'ureasplasmosi. Bene, se non c'è fiducia nel partner, allora i contraccettivi di barriera sono semplicemente necessari.

Inoltre, per prevenire l'ureasplasmosi, è necessario sottoporsi costantemente ad esami ginecologici, per trattare la mucosa orale con un antisettico dopo un contatto sessuale orale.

Uno stile di vita sano, oltre a tutto quanto sopra, sarà anche la chiave per un forte sistema immunitario, che svolge un ruolo importante nella lotta contro lo sviluppo dell'ureaplasmosi. Le donne che stanno pianificando una gravidanza dovrebbero anche pensare alla loro salute ed essere controllate più spesso da un ginecologo per evitare conseguenze indesiderabili.

4. Metodi diagnostici

L'individuazione dell'ureaplasma del parvum dipenderà non solo dalla correttezza del materiale prelevato da questo o quello strumento (i pennelli di plastica sono più adatti), ma anche dal metodo di consegna al laboratorio, nonché da adeguate condizioni di conservazione.

Il seguente materiale biologico è studiato:

  1. 1 raschiatura dal canale cervicale nelle donne.
  2. 2 Raschiare l'uretra in uomini e donne.
  3. 3 vagina staccabile.
  4. 4 Urina (la parte mattutina è preferibile).
  5. 5 sborrata.
  6. 6 Liquido amniotico.
  7. 7 Campioni da rinofaringe, placenta e altri fluidi biologici, se necessario.

4.1. Metodo di ricerca culturale

Si basa sulla semina del materiale prelevato (raschiamento) su speciali sostanze nutritive per determinare la quantità di ureaplasmi e la loro sensibilità agli antibiotici.

Il metodo consente al tecnico di laboratorio di determinare non solo la presenza di microrganismi, ma anche di calcolare la concentrazione di cellule microbiche, tuttavia viene raramente utilizzato nella pratica. Ciò è dovuto alla complessità della coltivazione di ureaplasma di Parvum.

Sintomi di infezione da ureaplasmosis

Come accennato in precedenza, l'ureaplasma di parvum potrebbe non manifestarsi per un lungo periodo, tuttavia, con un aumento del titolo di micoplasma, compaiono i sintomi clinici.

Spesso ci sono scariche dell'apparato genitale o dell'uretra: mucose, sbiancate o purulente. Quest'ultima causa gonfiore, infiammazione dell'uretra, della vescica, della vagina e della cervice nelle donne. Tutto questo si manifesta con bruciore, prurito, minzione frequente, disturbi mestruali.

Successivamente, costanti dolori fastidiosi nella regione pelvica, un basso addome si uniscono. Nei casi avanzati, a causa di un'infiammazione prolungata delle tube di Falloppio, compaiono aderenze che portano a infertilità, aborti e gravidanza ectopica.

Negli uomini, il parvolo di ureaplasma colpisce gli spermatozoi. Moltiplicandosi attivamente sulla loro superficie, il micoplasma riduce drasticamente l'attività motoria, danneggia il genoma della cellula e nel tempo porta a una diminuzione del numero di spermatozoi per 1 ml di sperma.

Un esame obiettivo del medico può vedere il gonfiore degli organi genitali interni, perdite anormali, raramente erosione della mucosa. A volte nulla può essere rilevato visivamente, quindi è necessaria la diagnostica di laboratorio dell'ureaplasma di Parvum.

Terapia etiotrope

Mira ad eliminare la causa sottostante della malattia. Dal momento che il colpevole nel nostro caso è Parvum Ureaplasma, quindi viene trattato con antibiotici. Si dice che il micoplasma sia resistente a penicilline, sulfonamidi, cefalosporine.

Gruppo tetraciclina. La doxiciclina è di gran lunga la più efficace contro l'ureasplasmosi. La forma più comunemente usata di doxiciclina è Unidox Solutab.

  • per un corso semplice, il primo giorno è di 200 mg una volta, i seguenti giorni, 100 mg 2 volte al giorno, 6-7 giorni,
  • con complicazioni, il primo giorno 200 mg una volta, poi 100 mg 2 volte al giorno per un massimo di 14 giorni.

Va tenuto presente che i farmaci per la tetraciclina non sono raccomandati per i bambini di età inferiore a 8 anni.

Gruppo di antibiotici macrolidi. Questi farmaci hanno un ampio spettro di azione, pertanto, vengono utilizzati con successo per il trattamento dell'ureaplasmosi.

Azitromicina (Sumamed, Emomicina).

  • con una terapia semplice, 1 grammo viene assunto una volta dopo un pasto,
  • con complicanze concomitanti, il primo giorno è 1 grammo, i successivi 4 giorni, 0,5 grammi al giorno (corso di 5 giorni).

Disponibile sotto forma di compresse da 500 mg e 1000 mg, oltre a sospensioni da 100 ml (adatto per il trattamento di bambini). Il regime di trattamento di Ureaplasma Parvum è progettato per 7-10 giorni, 500 mg 3 volte al giorno ogni 8 ore (o, se lo si desidera, 1000 mg 2 volte al giorno). Un fatto interessante è che la droga quasi non viola la microflora naturale ed è abbastanza sicura per i bambini piccoli.

L'antibiotico semisintetico macrolide, il cui principale vantaggio è il legame con le proteine ​​plasmatiche e un'eccellente penetrazione in tutti i tessuti e fluidi corporei. Un'elevata concentrazione di roxithromycin negli organi urogenitali è sufficiente a sopprimere la crescita dell'ureaplasma di parvum. Inoltre, il trattamento con questo farmaco è ben tollerato (gli effetti collaterali si verificano nel 4% dei casi). Corso di trattamento: 10 giorni, 150 mg 2 volte al giorno (o 300 mg al giorno).

Claritromicina (Klacid, Klabak).

Il secondo farmaco più importante dopo la doxiciclina. È un farmaco con attività immunomodulatoria. Infetta la fagocitosi, ripristina la protezione locale, riduce il livello di infiammazione nei tessuti. Secondo alcuni rapporti curare l'ureaplasmosis nel 90% dei casi. Assegnare 250 mg 2 volte al giorno per 7-14 giorni. Controindicato nei bambini sotto i 12 anni.

Applicare molto raramente, il dosaggio di 400 mg 2-3 volte al giorno, a seconda della gravità dei sintomi. Corso fino a 14 giorni. Questo antibiotico cura l'infezione con difficoltà, tuttavia alcuni medici usano Macropen, guidati da esperienze positive personali.

Il trattamento di ureaplasma parvum spende 500 mg 4 volte al giorno per 5-14 giorni. Gli svantaggi del farmaco sono l'inconveniente di ammissione e instabilità al succo gastrico, a seguito della quale la biodisponibilità totale diminuisce. Spetta a ciascun medico decidere se nominare o eritromicina o meno.

L'effetto della terapia antibiotica viene valutato mediante la riduzione o la scomparsa di segni clinici e di laboratorio di infezione (secrezione, dolore addominale, prurito e bruciore durante la minzione, altri sintomi).
I test ripetuti di PCR vengono eseguiti non prima di un mese dopo la fine del trattamento. Con risultati insoddisfacenti della terapia, è possibile un aggiustamento della dose, una sostituzione dell'antibiotico o un aumento della durata della terapia.

Terapia patogenetica

Implica l'impatto di determinati farmaci sui sistemi endocrini, neuroumorali e vegetativi al fine di normalizzare le funzioni compromesse. La conseguenza di questo trattamento dovrebbe essere il ripristino delle forze protettive, una maggiore rigenerazione dei tessuti, riduzione dell'edema e dell'infiammazione nella focalizzazione interessata.

  • Timalin viene somministrato per via intramuscolare in una dose di 15-20 mg al giorno per un massimo di 10 giorni. La durata è determinata dal medico a seconda della soppressione dell'immunità sotto l'influenza della malattia.
  • Taktivin per via sottocutanea per 1 ml di notte una volta al giorno per un massimo di 14 giorni.
  • Il levamisolo è usato meno frequentemente, in quanto è un agente antielmintico.
  • Polyoxidonium è usato sia sotto forma di iniezioni e supposte rettali.

Tutti gli immunostimolanti hanno prescritto un corso che, se necessario, viene ripetuto dopo 1-3 mesi. È noto che i farmaci di questo gruppo accelerano il processo di guarigione.

È preferibile utilizzare complessi multivitaminici contenenti vitamine dei gruppi B e C (MultiTabs, Centrum, Alphabet e altri).

Il trattamento con antibiotici non è l'effetto migliore sulla microflora intestinale, quindi deve essere ripristinato. Bifiform, Lactobacterin, Linex, Atsipol prescritti secondo lo schema (per ogni farmaco ha il suo) per circa 10-14 giorni. È importante ricordare che i fondi di questo gruppo non vengono presi dopo, ma insieme agli antibiotici!

Terapia sintomatica

In breve, trattamento volto ad eliminare o alleviare i sintomi della malattia: dolore, scarico, febbre, bruciore.

  • Candele con antisettici vaginali, antimicotici: Polygynax, Hexicon, Clotrimazole.
  • Bagno con camomilla, Malavit.
  • Supposte rettali (Diclofenac) per dolore pelvico.
  • Soluzioni di installazione nella vescica attraverso l'uretra.

Il trattamento antinfiammatorio con farmaci non sterili è indicato in presenza di marcata infiammazione, febbre o sindrome da dolore grave (Movalis, Ibuprofen, Nimesil).

I metodi di fisioterapia per trattare l'ureaplasma parvum sono usati nella fase cronica della malattia e in presenza di complicanze, specialmente nelle donne (aderenze nel bacino e nelle tube):

  • la magnetoterapia migliora il flusso sanguigno, allevia l'infiammazione e il gonfiore dei tessuti,
  • elettroforesi con farmaci (ad esempio antibiotici o FANS),
  • massaggio ginecologico
  • la cura del fango è diffusa nei sanatori,
  • l'irudoterapia diluisce il sangue, migliora le sue proprietà reologiche,
  • il trattamento con ozono aumenta l'immunità.

Regime per il trattamento dell'ureaplasmosi: rifiuto completo dell'attività sessuale durante il trattamento, esame e trattamento del partner, se necessario, dieta, ritiro di alcol, esame di follow-up dopo un ciclo di terapia antibiotica.

I criteri per il recupero sono la normalizzazione degli indicatori clinici e di laboratorio: miglioramento della salute, cessazione della scarica dal tratto genitale e disturbi disurici, diminuzione del titolo di micoplasma nella reazione di PCR. I pazienti curati devono attenersi a tutte le raccomandazioni del medico curante per uno stile di vita sano e per la prevenzione della reinfezione.

Cos'è?

Ureaplasma parvum è uno dei tipi di ureaplasmas che sono batteri opportunisti. Sono in grado di essere asintomatici nel corpo umano e vivono nelle cellule epiteliali della mucosa vaginale e delle vie urinarie, nonché sulla superficie degli spermatozoi.

L'urea funge da substrato nutritivo per questi microbi, quindi colonizzano il sistema urogenitale. Attualmente, le ureaplasmas (dal latino Urea - urea), appartenenti alla famiglia dei microplasmi (Mycoplasmataceae), sono suddivise in 14 sierotipi e 2 biovar, che li uniscono - Ureaplasma parvum e Ureaplasma urealyticum.

L'ureaplasma può causare una malattia di ureaplasmosis associata a infiammazione degli organi del sistema urogenitale. L'infezione si verifica prevalentemente attraverso il sesso. La fonte dell'infezione può essere una persona malata o semplicemente un portatore di Ureaplasma parvum.

Cosa è pericoloso?

L'urosplasmosi nelle donne colpisce 2 volte più spesso degli uomini.

L'agente patogeno può causare tali malattie femminili:

  • Processi infiammatori nella cervice - cervicite, mucosa vaginale - colpite, ovaie e appendici,
  • Predisposizione al cancro,
  • Patologia della minzione,
  • Problemi durante la gravidanza.

Pertanto, quando si pianifica la concezione, sono necessari test per rilevare infezioni comuni, tra cui Ureaplasma parvum.

Quando si fa una tale analisi?

L'analisi per l'individuazione del DNA U. parvum è prescritta in questi casi:

  • Preparazione per la pianificazione della gravidanza. Danno entrambi i partner
  • Con segni di infezione da ureaplasma,
  • E anche per l'infiammazione del sistema urogenitale,
  • Durante la gravidanza, per escludere possibili patologie,
  • Valutare il risultato dopo aver trattato questa infezione.

Questa analisi non è obbligatoria, non può essere forzata a fare. Tuttavia, se ti importa della tua salute e del futuro bambino, non dovresti abbandonare lo studio su U. parvum.

Fonti di infezione. Cause della malattia

Poiché gli agenti causali dell'ureaplasmosi vivono nel sistema urogenitale, l'infezione si verifica principalmente durante i rapporti sessuali.

L'ureaplasma potrebbe non manifestarsi da molto tempo - fino a diversi anni.
La principale difesa per lo sviluppo della malattia è la normale microflora. Svolge la funzione di barriera fisiologica.

In determinate circostanze (ridotta immunità), i microrganismi Ureaplasma, che sono batteri Gram-negativi, provocano un processo infiammatorio. Ureaplasmosis si verifica.
Allo stesso tempo, sono colpiti gli organi pelvici e il sistema urogenitale. L'emergenza della malattia contribuisce a:

  • Violazioni della microflora vaginale,
  • Infiammazione della prostata negli uomini
  • La presenza di altre infezioni (clamidia, gonorrea, ecc.),
  • Immunodeficienza di diversa eziologia.

Sintomi della malattia

La peculiarità del decorso della malattia ureaplasmosica nelle donne è che i sintomi dell'infezione possono essere espressi molto debolmente o essere del tutto assenti. I sintomi della malattia possono essere:

  • Minzione frequente,
  • Sensazione di bruciore nel processo
  • Scarico inusuale dall'uretra e dalla vagina,
  • Ci sono dolori fastidiosi nell'addome inferiore con infiammazione degli organi femminili causata dall'infezione,
  • Violazioni del ciclo mensile

Spalmando sangue tra le mestruazioni.

  • Scarico purulento dalla vagina,
  • Sensazioni di rapporti sessuali,
  • Rossore e gonfiore delle mucose vaginali.

Negli uomini, l'ureaplasmosis causa l'infiammazione dell'uretra, della vescica, della prostata. Questo causa la scarica dall'uretra e il dolore durante la minzione. L'ureaplasma causa la rottura dello sperma e porta alla sterilità maschile.

Regime durante il trattamento

Quando si effettua una diagnosi di ureasplasmosi a uno dei partner, si consiglia anche di sottoporsi all'esame e al trattamento se necessario.

Sebbene non sia una malattia venerea, durante il corso del trattamento dovrebbe osservare le seguenti regole:

  • Elimina la vita sessuale fino al recupero,
  • Osservare l'igiene speciale degli organi genitali esterni,
  • Non visitare i bagni, le saune, le piscine e altri luoghi pubblici simili,
  • Evitare l'ipotermia
  • Migliora l'immunità: mangia bene, prendi vitamine, prendi il sole.

Qualche mese in più da osservare da un medico dopo un ciclo di trattamento.

Possibili conseguenze

Qualsiasi disturbo nel corpo richiede diagnosi e trattamento tempestivi. In assenza delle misure necessarie, la patologia risultante dà complicazioni spiacevoli.

Spesso la malattia diventa cronica e porta continuamente nuovi problemi. Il trattamento con questo è molto più difficile. Tutto questo si applica all'ureaplasmosi.

Le principali conseguenze pericolose, come già rivelato, sono:

Pertanto, non sottovalutare questa malattia. È necessario adottare un approccio responsabile alla diagnosi e al trattamento tempestivo dell'ureaplasmosi.

4.2. Polymerase Chain Reaction (PCR)

Questo è un metodo di analisi molecolare del DNA di ureaplasma, che mostra la presenza di infezione e consente la differenziazione di Ureaplasma parvum e Ureaplasma urealyticum, ma non calcola gli indicatori quantitativi, come il metodo precedente.

Anche la PCR in tempo reale (PCR real time) viene utilizzata con successo per determinare la quantità di acidi nucleici (copie) in un campione.

Un valore compreso tra 10 e 4 gradi di copie è considerato il limite superiore della norma, in quanto è possibile rilevare numeri più piccoli in individui sani. L'identificazione di più di 10 o 4 gradi di copie è una delle indicazioni per prescrivere antibiotici.

La PCR semiquantitativa (semi-colonne) è un metodo leggermente modificato della reazione della polimerasi con misurazione quantitativa delle cellule microbiche.

Come notato sopra, le tattiche mediche dipendono dalle manifestazioni cliniche, dal numero di microrganismi nel campione (più di 10 in 4 gradi di copie del DNA), dalla presenza di complicanze (inclusa infertilità), dai parametri di laboratorio, dai dati di altri metodi di esame biopsia pelvica).

Assicurati di sottoporti a trattamento con sperma di donatore, con infertilità, aborto. I partner sessuali sono soggetti al trattamento obbligatorio dell'ureaplasmosi in presenza di sintomi clinici.

Requisiti per il trattamento etiotropico dell'ureaplasma (antibiotici):

  1. 1 Il farmaco deve essere efficace nel 95% dei casi o più.
  2. 2 Bassa tossicità, minor rischio di effetti collaterali.
  3. 3 Elevata biodisponibilità orale.
  4. 4 Uso sicuro nelle donne in gravidanza e nei bambini.

Gli ureaplasmi mostrano un'elevata resistenza ai seguenti farmaci: penicilline, cefalosporine, preparati di acido nalidixico. Sono più sensibili agli antibiotici del gruppo tetraciclina, macrolidi, fluorochinoloni. La massima sensibilità è nota per i farmaci di josamicina (circa il 95%) e la doxiciclina (93-97%).

Secondo le linee guida cliniche russe per il trattamento dell'ureaplasmosi, devono essere utilizzati i seguenti regimi:

  1. 1 Primario: Josamycin (Vilprafen) per via orale 500 mg 3 volte al giorno per 10 giorni o Doxycycline (Unidox Soluteb) per via orale per 100 mg 2 volte al giorno per 10 giorni.
  2. 2 Alternativa: Azitromicina (Sumamed, Zitrolid, Hemomitsin) 500 mg il primo giorno, poi altri 4 giorni, 250 mg al giorno.
  3. 3 Trattamento di donne in gravidanza: Josamycin 500 mg 3 volte al giorno per 10 giorni.
  4. 4 regime di trattamento per i bambini di peso inferiore a 45 kg: Josamycin 50 mg per chilogrammo di peso corporeo, diviso in 3 dosi al giorno per 10 giorni. Se necessario, la durata del corso può essere estesa a 14 giorni.

Requisiti di base per il trattamento della malattia (criteri per la cura):

  1. 1 Eliminazione dei sintomi clinici.
  2. 2 Eliminazione dei segni di laboratorio della risposta infiammatoria.

È importante! L'obiettivo della terapia dell'ureaplasmosi non è la completa eradicazione dell'organismo patogeno Ureaplasma parvum.

Повторные анализы (ПЦР и культуральный метод) проводятся через 4 недели после окончания лечения. При неэффективности курс антибиотиков продлевают, либо назначается альтернативная схема из указанных выше. Другие дополнительные способы лечения, народные средства не имеют доказательной базы.

Guarda il video: Ureaplasma #medicina (Luglio 2020).

Pin
Send
Share
Send
Send