Messaggi Popolari

Scelta Del Redattore - 2019

Miti della verità e dell'allattamento al seno

Ci sono molti miti sull'allattamento al seno. Alcuni sostengono che è molto difficile allattare al seno e non tutte le donne faranno fronte a questo compito, altre - al contrario, è molto comoda, utile e generalmente porta piacere puro. L'unica verità, come sappiamo, è sempre da qualche parte nel mezzo.

Il fatto è che la vita di una giovane madre non è facile e spensierata, indipendentemente dal fatto che lei nutra il suo bambino o meno. Tuttavia, la corretta organizzazione dell'allattamento al seno facilita notevolmente alcuni compiti e consente di risparmiare molto tempo alla madre (e questo è un effetto estremamente positivo sulla salute del bambino). Quindi, come differisce la realtà da ciò che è scritto su Internet?

L'alimentazione causa dolore e disagio

Tutti lo sanno e leggono Anna Karenina. Solo in realtà i classici e persino le mamme, le nonne, le ostetriche possono sbagliarsi. L'allattamento al seno non dovrebbe causare sensazioni spiacevoli: molte madri si lamentano di questo, ma le ragioni del dolore sono l'attaccamento scorretto, la briglia accorciata, le infezioni o anche tutti insieme. Quando una donna impara come applicare correttamente una briciola sul suo seno o cura, questi sintomi scompariranno.

Il latte finisce spesso per 3 mesi.

Uno dei problemi principali delle madri che allattano non è abbastanza latte. Non sarebbe stato così tanto parlare se i medici non avessero consigliato di dare da mangiare ogni ora. Dopo diverse settimane in questa modalità, il latte non è davvero sufficiente.

Solo da dove verrà, se la sua quantità è direttamente influenzata da quanto spesso il bambino succhia il seno? Qui c'è una relazione diretta, simile al principio della domanda e dell'offerta. Se è più semplice, più latte va, più ne arriverà.

Naturalmente, anche in un altro modo: le madri hanno spesso problemi con gli ormoni, quindi nessuno sforzo può contribuire ad aumentare la produzione di latte materno. Anche in una situazione così difficile, è possibile continuare l'allattamento, anche se è necessario un supplemento.

Il bambino si "appende" costantemente al petto

Le madri che allattano spesso conducono la stessa vita di tutti gli altri: molti lavorano e viaggiano in giro per affari, ricevono un'istruzione e scrivono una tesi. Per allattare, non è necessario stare seduti tutto il giorno con un tot. L'unica cosa è fino a circa 6 mesi di età e le briciole e la verità sarà difficile da spostare da qualche parte più di un paio d'ore.

Se allatti al seno, si bloccherà

Non è vero Se il seno perde la sua forma o meno, dipende più da altri fattori: l'elasticità della pelle, la presenza di cattive abitudini (specialmente il fumo), l'età, il numero di chilogrammi guadagnati durante la gravidanza e il tasso di perdita di peso. Quindi cosa il seno può perdere elasticità a causa della gravidanza, ma non a causa dell'alimentazione del bambino.

Se allatti al seno il tuo bambino, non permetterà ai genitori di dormire la notte.

I bambini possono svegliarsi costantemente. Solo questo parametro è puramente individuale e difficilmente dipende dalle peculiarità dell'alimentazione. Tuttavia, il latte materno viene digerito più velocemente rispetto alla miscela e persino una briciola può richiedere un supplemento. È anche importante ricordare che l'allattamento al seno notturno è necessario sia per il bambino che per sua madre: di notte si forma la massima quantità di prolattina che, insieme all'ossitocina, supporta la produzione di latte materno.

In altre parole, i mangimi notturni aiuteranno ad evitare la mancanza di latte di cui tutti sono così preoccupati. Tuttavia, in questo caso, sorge la domanda: come dormire a sufficienza? Immediatamente c'è una contro-domanda: da dove viene l'opinione che le madri che allattano non dormono tutta la notte? Gli scienziati hanno studiato i ritmi del sonno nelle donne appena nate e hanno ottenuto risultati opposti. Si è scoperto che le madri che allattano dormono di più, anche se spesso devono svegliarsi per andare al bambino. Hanno anche una migliore qualità del sonno, vale a dire, la durata della fase profonda è più lunga di quella delle madri che alimentano gli alimenti per lattanti: 182 minuti contro 62 (nel gruppo di controllo - 86).

È incredibile come lo fanno le mamme che allattano. Il segreto è che spesso scelgono di dormire insieme - non nello stesso letto con una nocciolina, ma, ad esempio, con l'uso di un lettino aggiunto (il bambino è sempre vicino - ha aggiunto delle culle per i neonati). Così le donne possono dare il seno in mezzo addormentato, anche senza alzarsi, e subito addormentarsi (la prolattina prodotta assicura anche un sonno forte e sano). Nel frattempo, le madri che alimentano gli alimenti per lattanti sono costrette a stare in piedi, riscaldarsi, nutrirsi. Solo dopo tutte queste manipolazioni puoi provare ad addormentarti.

La mamma che allatta deve seguire una dieta rigida

Un altro mito che non regge l'acqua. Mamma allatta al seno, puoi mangiare tutto (solo verdura e frutta sono migliori per scegliere la stagione). Le salsicce, i cibi in scatola, le cole e altri prodotti ovviamente nocivi dovrebbero essere esclusi dalla dieta, che non è raccomandata a tutti gli altri. Inoltre, i primi 2 mesi dopo la nascita, è meglio non usare prodotti lattiero-caseari.

La necessità di restrizioni appare solo quando i segni del bambino di allergie. Anche in questo caso, la madre non ha bisogno di passare immediatamente al grano saraceno con la Turchia e acqua pulita. Innanzitutto, dovresti abbandonare gli allergeni più comuni: latte, pollo, noci, miele. Una sfumatura importante: il menu della madre non sempre diventa la radice del problema - spesso anche una dieta rigida non aiuta, perché le reazioni allergiche causano vari motivi. Si può concludere che la dieta varia della madre durante l'allattamento al seno impedisce lo sviluppo di allergie nel bambino.

-Non ogni donna può nutrirsi con latte, alcuni inizialmente "non da latte".

No, non lo è. L'allattamento al seno può essere regolato da ogni donna, indipendentemente dalle dimensioni del corpo, dal tipo di parto o dall'età. Stabilire l'allattamento è un atteggiamento psicologico molto importante. Se la mamma ha paura, forse inconsciamente, di perdere la sua attrattiva o di essere sopraffatta, è altamente probabile che abbia problemi con GW. Al contrario, se la madre è preparata per l'allattamento a lungo termine, ci riuscirà. Oltre al desiderio, per la madre è importante sostenere i parenti e la massima informazione sull'allattamento al seno - sulla tecnica di applicazione del bambino, sulle pose, sulla crisi dell'allattamento, ecc.

- Il latte materno non ha sempre la stessa composizione.

Sì, è vero. La composizione del latte materno varia a seconda dei periodi di età del bambino, inoltre, si differenzia in diversi momenti della giornata, e anche nel processo di una alimentazione. Il primo, il cosiddetto "fronte", all'inizio dell'alimentazione, il latte, è ricco di zucchero del latte - lattosio. È traslucido, ricco di minerali e proteine ​​idrosolubili: il bambino riceve il liquido di cui ha bisogno. Il latte "indietro" che arriva nel mezzo e la fine dell'alimentazione è più denso, giallastro, contiene più grassi e nutre perfettamente. È importante che il bambino riceva sia "davanti" che "dietro". A tal fine, si raccomanda di offrire al bambino un solo seno per 2-3 ore, indipendentemente dal numero di allegati e nelle 2-3 ore successive - l'altro.

- L'introduzione di alimenti complementari porta ad una diminuzione della produzione di latte materno.

No, con l'introduzione corretta e tempestiva di alimenti complementari, non vi è una brusca diminuzione della lattazione e il bambino non rifiuta il seno. Man mano che l'alimentazione aumenta, la quantità di latte può diminuire, perché viene prodotta "su richiesta" e il bisogno del bambino diminuisce gradualmente. Ma questo è un processo fisiologico, il bambino non avrà fame.

- Il latte materno dopo un anno non porta alcun beneficio per il bambino.

Sebbene il latte non sia l'unico alimento per questo periodo per un bambino, rimane sano. Dopo un anno di alimentazione, il suo contenuto di grasso aumenta di 2-3 volte, aumenta la quantità di anticorpi protettivi e sostanze che contribuiscono alla maturazione del tratto digestivo del bambino. Secondo la ricerca dell'OMS e dell'UNICEF sull'allattamento al seno, i bambini che sono stati allattati per un lungo periodo hanno un livello superiore di intelligenza, un adattamento sociale di successo, hanno meno probabilità di soffrire di allergie e di riprendersi più velocemente.

- Se per qualche motivo sei costretto a sospendere temporaneamente l'allattamento al seno, allora è impossibile ripristinare l'allattamento dopo la pausa.

È possibile, soprattutto, mantenere la produzione di latte durante la pausa. Per fare questo, bere molti liquidi e assicurarsi di decantare regolarmente. Ispirati con storie positive sulla relazione, se non hai l'opportunità di vedere il bambino - metti una foto di lui di fronte a te, pensa a quanto sia importante il tuo latte per lui. Dopo la pausa, frequenti attaccamenti al seno aiuteranno anche a riprendere la HB.

È importante che il bambino non perda interesse al seno: usa i capezzoli corretti per le bottiglie quando si alimenta, da cui il cibo non scorre, ma arriva quando il bambino fa uno sforzo.

Humana Expert 2 è adatto per bambini da 6 a 12 mesi, non contiene glutine e zucchero, coloranti e conservanti, nella sua composizione prebiotica necessaria per la formazione di una sana flora intestinale. Gli acidi grassi polinsaturi a catena lunga Omega 3 e Omega 6 influenzano lo sviluppo del cervello e delle cellule nervose del bambino. I nucleotidi supportano il sistema immunitario e contribuiscono allo sviluppo della mucosa intestinale.

Se il tuo bambino ha più di 12 mesi, la scelta è per Humana Expert 3. Oltre a tutti i vantaggi della miscela precedente, è arricchito con il calcio nella quantità necessaria per questa età, può essere la base per i cereali per bambini o bevande a base di latte.

L'azienda tedesca Humana produce alimenti per l'infanzia da più di 60 anni e conferma l'alta qualità dei prodotti non solo dal tempo, ma anche dalla ricerca e sviluppo.


"I bambini sono i migliori che abbiamo!" Dice Humana, e non possiamo che essere d'accordo!

L'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda l'allattamento al seno esclusivo per i primi 6 mesi di vita di un bambino. Humana supporta pienamente questa raccomandazione. Si prega di consultare il pediatra o l'ostetrica se si desidera utilizzare le formule del latte per bambini.

MITO. Il latte dovrebbe apparire immediatamente dopo il parto.

La natura è organizzata in modo che subito dopo la nascita del bambino, il colostro, il precursore del latte reale, cominci a essere prodotto nel seno della madre. Il colostro contiene molta meno acqua, è denso, concentrato e saturo di immunoglobuline e altre sostanze necessarie al bambino nei primi giorni.

La quantità di colostro è estremamente piccola, ma è abbastanza per il bambino, e il fatto che perda peso è un processo naturale, se questa perdita non supera il 10% del peso iniziale del bambino. Il latte di solito inizia a essere prodotto 3-5 giorni dopo la nascita.

MITO. Il bambino stesso deve sapere come prendere il seno.

In teoria, dovrebbe, ma in pratica, per qualche ragione, molto spesso il bambino cattura il capezzolo in modo errato, è difficile per lui succhiare, e mia madre inizia ad avere problemi con il seno - ferite, crepe molto dolorose. I pediatri sostengono che la corretta cattura del bambino è più facile da insegnare se viene applicata al petto entro un'ora dopo la nascita.

Molto dipende anche dalla forma dei capezzoli e dalle caratteristiche individuali del bambino. Dai primi giorni è necessario assicurarsi che il bambino prenda il seno correttamente - non solo cattura il capezzolo stesso, ma anche l'alone attorno ad esso.

MITO / VERITÀ. La mamma che allatta dovrebbe seguire una dieta rigida

Ridurre appena la dieta può essere necessaria solo nella prima o due settimane di alimentazione, e successivamente aggiungere gradualmente cibi familiari, ma senza fanatismo, naturalmente. Di norma, si raccomanda di astenersi da tre mesi da prodotti che possono causare una reazione allergica, latte intero, conservazione e prodotti che la madre stessa non percepisce bene.

Quindi, se la madre viene gonfiata dal cavolo e debole dalla barbabietola, un bambino può avere una reazione simile. Dopo tre mesi, è possibile aggiungere altri prodotti, monitorando la reazione del bambino e non abusarne, ad esempio cioccolato o caffè. Sfortunatamente, o per fortuna, la dieta della madre raramente influenza la presenza o l'assenza di coliche infantili.

La dieta della mamma dipende in gran parte dall'età del bambino e dal suo stato di salute.

Sviluppo infantile (Foto: CFA Burda)

MITO. Bisogno di decantare per avere più latte.

Il latte nel seno della madre produce quanto ha bisogno il suo bambino. Ma questo principio funziona, se si alimenta il bambino su richiesta, compresa l'alimentazione notturna è considerata obbligatoria - è di notte che la prolattina viene prodotta in modo specifico.

Se non c'è abbastanza latte, prima di tutto, dovresti assicurarti che questo sia vero - il bambino sta piangendo, ingrassando male, puoi testare i pannolini bagnati. I pediatri consigliano di mettere il bambino più spesso, analizzare la dieta - forse non hai abbastanza liquido per produrre latte, e forse il processo non è stato appena regolato e dovresti aspettare fino a quando non interromperai la somministrazione.

MITO / VERITÀ. Se dai una bottiglia al bambino, rifiuterà

Infatti, se un bambino, specialmente nel primo mese di vita, viene insegnato alla bottiglia, sarà piuttosto difficile tornare all'allattamento al seno. Tuttavia, anche se è temporaneamente necessario sospendere l'allattamento al seno, è importante utilizzare i giusti accessori moderni - flaconi con capezzoli speciali che imitano l'allattamento al seno, che consentono di tornare all'allattamento al seno tradizionale nel tempo.

Madre con bambino (foto: Fotolia)

MITO. Il latte è troppo grasso, il bambino soffrirà di obesità in futuro.

Non è raro che i bambini con un buon appetito aumentino di peso, prima di tutte le norme pediatriche. In questo caso, possono sorgere dubbi - e non se è dannoso per il bambino. Tutti gli studi condotti dagli scienziati in questo campo indicano chiaramente che se un bambino non viene nutrito con qualcosa, allora non avrà l'obesità esclusivamente sul latte materno.

Non appena il bambino inizia a familiarizzare con altri alimenti (l'OMS raccomanda di iniziare a nutrirsi dopo 6 mesi) e diventa anche più mobile, il peso si stabilizzerà. È vero, alcuni esperti associano l'intensità e la durata della colica al rapido aumento di peso di un bambino, sebbene non vi siano prove affidabili di questo fatto.

L'opinione editoriale potrebbe non coincidere con l'opinione dell'autore dell'articolo.

Loading...